Utente 214XXX
Buonasera.
Vi scrivo nella speranza che qualcuno mi possa aiutare a capire come risolvere il mio problema. Da ormai diverso tempo (si parla di mesi) mi sto preoccupando riguardo alle mie parti intime. Non ho irritazione, prurito proprio raramente, non ho pizzicore, Tuttavia nell'arco della giornata avrei la necessità di cambiarmi le mutandine più volte se solo fosse possibile (purtroppo invece a causa dell'università parto da casa la mattina alle 7 e torno alle 7 di sera). Il mio problema è che, non so bene come spiegarlo, è come se la mia vagina o meglio la parte esterna "sudasse", cioè stando per un'ora a sedere rialzandomi mi sento molto umida, ho come le mutande bagnate e spesso proprio alzandomi sento un cattivo odore, anche se non proprio eccessivo. Vorrei risolvere questo problema, ma non so se è un problema vaginale o urinario.
Sono due volte che provo a fare l'esame dell'urinocoltura perchè il mio medico aveva notato nelle analisi del sangue e delle urine appunto un valore un po' più alto della norma. Ma per ben due volte l'esito dell'urinocoltura è stato "flora polimicrobica. probabile contaminazione. si consiglia ripetere seguendo accuratamente la tecnica del mitto intermedio". Il mio medico prima di fare per la seconda volta l'esame mi ha detto cosa è la tecnica del mitto intermedio e quindi come devo fare, ma pur seguendo le sue indicazioni anche la seconda volta l'esito dell'esame è stato il medesimo. Domattina provo di nuovo a fare l'urinocultura e spero vada bene, perché mi sto preoccupando, è una cosa che in più di 20 anni non mi era mai successa.
Spero che mi possiate aiutare! Grazie per la disonibilità.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Il problema non mi sembra urinario , ma vaginale e per questo motivo è importante escludere una infezione da Gardnerella vaginalis ( VAGINOSI BATTERICA) oppure batteri aerobi (streptococco beta-emolitico , stafilococco aureus, escherichia coli) definita ormai "VAGINITE AEROBIA" .
Tutto si puo ricercare con un esame a fresco del fluor vaginale o con coltura "specifica " di un tampone vaginale.
SAluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 214XXX

La ringrazio per la rapida risposta.
Per sicurezza aspetto l'esito dell'urinocoltura.
Quindi cosa dovrei fare? Fare una visita dalla ginecologa e chiedergli cosa?
La ringrazio davvero molto.

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Chiedere un esame batteriologico a fresco del secreto vaginale.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI