Utente 380XXX
Buonasera, sono una ragazza di 19 anni. Le scrivo a causa di un disturbo poco piacevole che mi si presenta da ormai un mese e mezzo: perdite di sangue rosa/marroni durante la masturbazione manuale (fatta dal mio ragazzo, a volte anche abbastanza "spinta"). Questo problema lo riscontro solo in questa circostanza e non durante i rapporti né in altre situazioni. Prendo la pillola Estinette da oltre due anni, mestruazioni sempre regolari, mai avuto problemi. Ho pensato che le perdite potessero essere legate a fattori ormonali, dato che da gennaio ho cambiato radicalmente le mie abitudini alimentari e stile di vita, ora molto più attivo, perdendo anche peso (da 47 a 43 kg per 1.56/57 m). L'appuntamento con il mio ginecologo è stato già fissato ma vorrei sapere prima quali potrebbero essere le possibili cause e se mi devo preoccupare per qualche ragione. La ringrazio. Arrivederci 

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In questi casi va esclusa una possibile ECTROPION del collo uterino , più noto come "piaghetta".
Altra possibilità da prendere in considerazione è quella di una vulvite irritativa che in corso di masturbazione predispone alla formazione di piccole lesioni.
Queste ipotesi vanno confermate con una visita.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 380XXX

In tal caso che rimedi é meglio prendere in considerazione secondo lei? L'appuntamento è stato fissato per il 23 maggio, entro quella data cosa mi consiglia di fare/evitare? Mi devo preoccupare? Avere rapporti potrebbe far peggiorare la situazione? Grazie

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non ho i criteri per poter esprimere un mio parere
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI