Utente 404XXX
Salve, spero voi possiate aiutarmi. Ho cominciato la pillola Sibilla a fine agosto. Fin da subito mi ha creato qualche piccolo problemino, ad esempio i primi 2 mesi avevo perdite scure (ma era la pillola che doveva stabilizzarsi), poi mi è uscita secchezza/irritazione all'esterno della vagina (4 mesi fa) che mi veniva soltanto nella settimana di pausa, e sentivo bruciore. Sono andata dalla mia ginecologa e mi ha prescritto una crema da usare per 3 mesi prima e dopo il 'ciclo', e da lì sono stata meglio, anche perchè ho cominciato a usare assorbenti di cotone. Settimana scorsa (la settimana di pausa e terzo mese che usavo la crema) mi sono venuti crampi dolorosissimi nella zona ovaie, e ho perfino vomitato da quanto male stavo. Due giorni dopo mi è arrivato il ciclo, come succede normalmente, e la secchezza/irritazione mi è ritornata ancora più accentuata, davvero dolorosa!
E per concludere stamattina (ho iniziato la nuova confezione di sibilla ieri) mi sono svegliata con molta acidità di stomaco, malditesta e doloretti alle ovaie.
Ho chiamato la mia ginecologa per farmi cambiare pillola e molto probabilmente la cambierò. Però mi chiedo, a cosa sia dovuto tutto questo? Il vomito, il ritorno dell'irritazione, il ciclo mestruale dolorosissimo eccetera?
Premetto che la pillola l'ho sempre presa puntualmente tutti i giorni, e ho rapporti con il mio ragazzo.
Grazie per chi mi risponderà

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La secchezza vaginale è addebitale al clima ormonale della pillola in particolar modo alla eccessiva attività progestinica, ma non la irritazione vulvare (si potrebbe trattare di vulvite allergica) .
Mentre l'eccessiva attività estrogenica porta a nausea, vomito , disturbi gastroenterici , tensione mammaria, tensione premestruale .
Quindi concludendo questo non significa che deve sospendere la pillola , ma deve cambiare "clima ormonale " della pillola, questi i motivi per cui si consiglia sempre di "valutare la pillola " nei primi tre mesi dì'uso per poter decidere se quella pillola è adatta al clima ormonale della donna.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI