Utente 152XXX
Gentili dottori,
Dopo 17 anni di assunzione ininterrotta di pillola (12 anni di ginoden e 5 di yasminelle) ho smesso di prendere la pillola.
L'assunzione era stata decisa per curare ovaio micropolicistico e diminuire i forti dolori.
Ora, a distanza di una settimana dal presunto arrivo del ciclo "naturale" provo dei dolori fortissimi al basso ventre, tanto da avere dolore nel sedermi e piegarmi, male al reni e sensazione del salto del battito cardiaco.
Mi chiedo se sia normale a questo punto del mese, se sia sintomo di risveglio delle ovaie e se devo aspettarmi dolori del genere sono all'arrivo (regolare?) delle mestruazioni.assumo busco lab compositum quando proprio non riesco più a resistere, ma è corretto?
E poi un parere: quanto dovrei aspettare per cercare una gravidanza? Ho 34 anni e spesso e volentieri sono anemica.
Grazie!

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Questi sono effetti di un cambio di clima ormonale ( dalla pillola al suo clima ormonale) .Tutto quello che accade da questo momento in poi non ha alcuna correlazione con la pregressa assunzione della pillola estroprogestinica.
Sono sufficienti due flussi mestruali spontanei per la ricerca della gravidanza , previa assunzione di 400 gamma di acidofolico
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 152XXX

Gentili dottori, a distanza di mesi ho potuto rilevare che i miei cicli sono alternativamente di 31\32 giorni e poi 43\44 circa . Con dolori e malessere notevoli.
Da agosto è iniziata la ricerca di un figlio che fino ad ora non ha avuto esito. Da circa un mese ho iniziato l'integratore prepart una bustina al giorno.
Vorrei sapere se é possibile che una sola delle ovaie sia così lenta, se l'uso dell'integratore é utile e se devo preoccuparmi. Il mio medico potrà ricevermi il mese prossimo e io comincio a diventare impaziente.. Grazie e buon lavoro

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In queste situazioni l'assunzione dell'inositolo potrebbe risultare utile.
Un monitoraggio ecografico dell'ovulazione potrebbe aiutarla nell'individuare il periodo ovulatorio
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 152XXX

Grazie! Lo farò... pensa però che potrebbe essere un problema restare incinta? E dopo quanto inositolo può regolarizzare? Grazie e buon lavoro