Utente 449XXX
Chiedo scusa se inserisco la domanda qua, ma la sezione ginecologia è sempre piena...
Ho iniziato una cura di Evra+ 25 di androcur per i primi 5 gg del ciclo poi dovuta interrompere improvvisamente per via del fatto che si
sospettava una trombosi alla gambra, poi fortunatamente non è stato così.
Quindi ho smesso il 1 del mese quando il ciclo stava quasi finendo e da quel giorno continuo ad avere dello spotting persistente a volte sono perdite rosse a volte più scure. Pensavo che via via col tempo sarebbero finite invece oggi ho visto l'assorbente più macchiato del solito senza tralasciare l'acne sul viso che mi ha portato dietro. Secondo voi è del tutto normale o devo preoccuparmi? Se non dovessero smettere per molto tempo chiamo il ginecologo? Un po' la cosa mi mette ansia.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La conseguenza della improvvisa sospensione è proprio questa cioè la "emorragia da rottura " , insieme ad altre cause come l'assunzione della pillola in orari molto diversi della giornata (non per il cerotto e anello)), la sua ripetuta dimenticanza(non per l'anello), problematiche nell'assorbimento orale (non per anello e cerotto) e una occasionale e concomitante terapia farmacologica in grado di interferire con la farmacodinamica dei contraccettivi estroprogestinici ( pillola, anello e cerotto)
SALUTONI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 449XXX

La ringrazio per la risposta! Scusi se ne aprofitto, le faccio un altra domanda. Non ho nè l'ovaio policistico nè disfunzioni ormonali (surrene, glicemia, insulina tiroide sono tutti nella norma) Secondo lei la terapia che devo intraprendere sopracitata non è un po' troppo aggressiva non avendo squilibri? La terapia mi è stata data per improvvisa crescita di peli in parti non comuni per una donna quali mento, collo, pancia, natiche alopecia e irregolarità del ciclo mestruale...Non ci sono invece degli esami più aproffonditi da fare? Sono un po' preoccupata e prima di riprendere la terapia non so se rivolgermi a qualche altro medico che non sia un ginecologo.

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non avendo un quadro clinico e di laboratorio ben definito non sono in grado di risponder a questo secondo quesito
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI