Utente cancellato
Salve mi chiamo Sandra ho 21 anni e da circa 3 anni che non riesco più ad avere rapporti con il mio compagno. Io e lui stiamo insieme da 4 anni all inizio i rapporti c' erano, io avevo una grande sensibilità mai avuta anche nelle storie precedenti, poi così da un giorno all altro è sparita la sensibilità interna come se la zona fosse anestetizzata. Da lì ho cominciato a fare diverse visite ginecologiche cambiando anche ginecologi ma ogni volta risultava tutto ok. Adesso da un anno un ginecologo mi ha prescritto la pillola anticoncezionale, ma niente la mia situazione rimane uguale, anzi ad oggi è anche peggiorata dal momento che ogni volta che si prova ad avere rapporti mi viene l ansia della penetrazione, non sopporto di essere toccata da lui e ne di fare altre visite ginecologiche e la voglia di avere rapporti mi è anche passata. Premetto anche che sono sempre stata una ragazza delicata fin da piccola e infatti ogni volta che si provava ad avere rapporti in questi anni subito dopo mi ritrovavo con delle infezioni, anche questo mi spaventa molto. Per cercare di risolvere il problema siamo stati anche in terapia da un sessuologo che mi ha consigliato gli esercizi di Kegel ma non abbiamo visto risultati. Non mi capacito come una ragazza della mia età non ne riesca a uscire fuori.Le ho provato tutte cosa posso fare per ritornare ad avere di nuova la sensibilità? Da cosa può dipendere? Grazie buona giornata

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
E' importante escludere una patologia ,la VULVODINIA che si descrive come un disturbo vulvare caratterizzato da bruciore, dolore o dispareunia (dolore durante i rapporti ) , in assenza di alterazioni obiettive visibili di un qualche rilievo o di specifici disturbi neurologici clinicamente identificabili.
Si tratta di un dolore neuropatico , caratterizzato da un'anormale percezione sensitiva , definita IPERALGESIA (spropositata accentuazione di uno stimolo doloroso ) oppure dalla ALLODINIA (percezione dolorosa di uno stimolo che normalmente non causa dolore)
Salutoni
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
456558

dal 2017
La ringrazio per la risposta dottore. Recentemente sono più ansiosa del solito ma il problema era già sorto prima quindi non se può influenzare. Da lei scritto sopra mi riconosco più nella allodinia dato che non ho proprio sensibilità vulvare ma non sento dolore se non alla penetrazione dove sento un leggero bruciore e dolore che mi rimane per un paio giorni, ma per quanto riguarda la sensibilità nulla non sento nulla anche solo un cotonfiok . C'è un modo per uscirne fuori?

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ci sono vari protocolli terapeutici , dalla TENS, alle ALIAMIDI, alla terapia alla desipramina.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI