Utente 482XXX
Buonasera, scrivo perché purtroppo soffro da qualche mese di questo brutto prurito e bruciore vaginale , molto forte soprattutto dopo i rapporti e durante la minzione. Premesso che ho sofferto in passato di cistite , di candinda e di infezione da enterococcus faecalis, ora proprio non riesco a capire cosa mi crea questo disturbo. Ho fatto due tamponi a dicembre e a febbraio per vedere cosa fosse ma sono usciti negativi, la settimana scorsa ho fatto il tampone per clamidia e micoplasma ma nulla idem per il pap test. L’unico risultato è scarsa flora lattobacillare e modesta flogosi.... la mia ginecologa nn sa cosa dirmi...dice metti i fermenti ma io sto male!
Purtroppo prendo la yaz perchè sono sottoposta a cura di isotreatinoina. La mia domanda è: posso fare qualche altro test ? Potrebbe essere la candida? Potrebbe essere sifilide o gonorrea o sarebbero dovute uscire dal tampone? Potrebbe essere la yaz? Sono fidanzata da molto tempo e non ho rapporti con persone diverse dal mio ragazzo. I rapporti sono non protetti e non molto frequenti dato il mio problema , ma se fosse lui ad avermi passato qualcosa non dovrebbe uscire dal tampone? Che controlli posso far fare anche a lui?

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sicuramente il problema si è focalizzato sulla vagina e di una probabile infezione (che non c'è) ,portando così alla diagnosi di VAGINITE , ma da quello che lei riferisce :
""questo brutto prurito e bruciore vaginale , molto forte soprattutto dopo i rapporti e durante la minzione.""
Io mi orienterei verso una VULVITE (VULVA = genitali esterni ) IRRITATIVA da contatto che non va trattata come una infezione.
Naturalmente tutto ciò va confermato clinicamente.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 482XXX

Grazie mille dottore, comunque ora provo un paio di giorni con il colpogyn per vedere se può essere carenza di estrogeni. Se anche questa strada risulterà sbagliata proverò a rivolgermi ad un dermatologo per la vuvlvite irritativa... ma purtroppo dopo i rapporti il dolore non è solo esterno quindi nn penso sia una questione esterna... potrebbe essere anche un’estrema secchezza data dall’isotreatinoina?