Utente 239XXX
Salve a tutti,
ho 30 anni ed effettuo ogni anno ecografia pelvica e transvaginale dalle quali è sempre risultato essere tutto nella norma.
Al penultimo controllo, di 6 mesi fa, mi è stato riscontrato un utero di dimensioni di poco superiori alla norma + 1 fibroma a prevalente sviluppo sottosieroso postero-laterale destro di 2,6cm x 2,3cm. Il ginecologo mi ha consigliato soltanto di monitorarlo, tranquillizzandomi per un'eventuale gravidanza, visto che si trova all'esterno dell'utero (anche se sono un po' preoccupata per la veloce crescita visto che nell'ecografia di un anno prima l'utero era perfetto).
Dopo 6 mesi, comunque, sono ritornata dal gine che constata che il fibroma è cresciuto ulteriormente (3,7cmx3,2cm) e che ha una vascolarizzazione ad alta resistenza.
Nonostante la veloce crescita, sono stata tranquillizzata di nuovo, e mi ha detto che avrei potuto benissimo tentare una gravidanza e rimuoverlo in sede di parto.
Quello che a me desta preoccupazione non è il tipo di fibroma in sé né le dimensioni attuali ma il fatto che stia crescendo così velocemente e non sono neanche incinta, mi immagino quindi quanto potrebbe diventare sotto la spinta degli ormoni della gravidanza.
Sono quindi a chiedervi: concordate con il mio gine sul via libera alla ricerca di una gravidanza nonostante la crescita veloce?
I sottosierosi sembrano innoqui, ma se crescono troppo possono comunque dare problemi seri in gravidanza?
La vascolarizzazione è buona?
Mi consigliate prima l'intervento di rimozione?
Questa crescita rapida può far sospettare una degenerazione maligna? Ho molta paura, anche perché leggo che in genere la crescita è lenta.
Saluti

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sicuramente un fibroma SOTTOSIEROSO non interessa la cavità uterina e di conseguenza l'impianto di una eventuale gravidanza .
Sottoporsi ad intervento chirurgico per un fibroma di queste dimensioni mi sembra eccessivo , anche se durante la gravidanza aumenterà di volume , però sviluppandosi verso la parte superficiale del corpo uterino.
Se tutto ciò le scatena crisi di ansia , valuti insieme al Collega questa eventualità chirurgica.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 239XXX

La ringrazio per la sua cortese risposta.
Forse le sono sembrata eccessivamente spaventata, ma l'unica cosa che mi turbava era la veloce crescita, proprio perché so che non sempre si rimane incinte al primo colpo e non vorrei che fosse un problema iniziare la gravidanza con un fibroma già grande, seppur sottosieroso.
(Cresciuto prima 2 cm in 1 anno, poi 1 cm in 6 mesi...)
Se non dovessi rimanere incinta nel breve termine, quando sarebbe saggio parlare di intervento? 6 cm? 10cm? Mai? (essendo sottosieroso)

Comunque come le sembra la vascolarizzazione e cosa significa? Non sono riuscita a trovare molto su internet su questa cosa, anche se credo debba andare bene, altrimenti immagino che il gine me l'avrebbe detto.

Grazie ancora per la disponibilità