Utente
Salve, sono una ragazza di 19 anni e ho un problema fastidioso da una settimana circa.

Pratico la masturbazione frequentemente e ultimamente l’ho fatto una volta al giorno.

Mentre mi stimolavo il clitoride l’ultima volta non provai piacere nonostante fossi lubrificata, la zona era addormentata, non mi è mai successa una cosa simile e sono andata in panico, ho sempre raggiunto l’orgasmo senza problemi.

Da quel giorno sto manifestando dei fastidi continui e intensi al clitoride, come se fosse perennemente eccitato, in tensione, brucia e mi pulsa in continuazione, però non riesco più ad eccitarmi, non sento il bisogno di masturbarmi e se provo non ci riesco perché il clitoride non reagisce agli stimoli, il piacere lo percepisco vagamente.

Il clitoride non è gonfio ne rosso e non fa male, ad occhio è apposto ma non capisco perché provo questi sintomi fastidiosi che non mi fanno neanche dormire di notte.

Di cosa si tratta?

Da cosa può essere causato?

Attendo con ansia una vostra risposta anche perché sono molto preoccupata, vi ringrazio in anticipo!

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Potrebbe trattarsi di una reazione infiammatoria da sovrainfezione batterica , di una lesione di tipo ulcerativo , è impossibile senza un esame obiettivo poter fare diagnosi differenziale.
In questi casi eseguo una vulvoscopia , che mi consente di valutare a forte ingrandimento eventuali alterazioni della regione clitoridea o di altre altre aree vulvari.
Mi dispiace non poterla aiutare.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille dottore per la risposta e per le informazioni. Alla fine sono andata a farmi controllare dal medico di famiglia e mi ha prescritto la crema Vagisil che applico sulla zona clitoridea tre/quattro volte al giorno ma non ho ancora riscontrato nessun miglioramento, il fastidio è sempre molto forte e intenso, pulsa in continuazione, dandomi molto disagio e sconforto. Solitamente entro quanto dovrebbe far effetto?
Ho un ulteriore domanda da porle:
è normale non provare più eccitazione sessuale? La zona non reagisce più a nessun stimolo, i nervi possono essersi danneggiati?

[#3] dopo  
Utente
La prego, aspetto con ansia dei chiarimenti dato che non posso farmi visitare

[#4]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La crema che ha menzionato , non la ritengo utile in quanto trattasi di anestetico locale , che mette a tacere il problema , ma non lo risolve .
E' chiaro che non avverte nulla perchè agisce da anestetico locale , quindi inefficace , dovrebbe applicare creme antinfiammatorie non steroidee .
Non mi è possibile fare nomi commerciali .
Queste situazioni non sono gestibili via web
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#5] dopo  
Utente
Salve la tengo aggiornato, mi sono recata dal medico per cambiare crema. Oggi ho iniziato ad applicare la crema Beben prescritta dal medico, per ora non ci sono differenze però mi si è gonfiato il clitoride e non so se è per via della crema.

[#6] dopo  
Utente
Buongiorno dottore, sto applicando la crema Beben da due settimane ma non ho riscontrato grandi miglioramenti. La sensazione di tensione e pulsazione è diminuita ma la fisionomia del clitoride è cambiata, il glande va all’insù e stando di profilo si vede che esce fuori, anche al tatto sul glande del clitoride provo un po di fastidio e ogni tanto il corpo si gonfia senza un apparente motivo. Non ho rossori, e spesso mi sveglio con un prurito molto forte intorno a quella zona. La cosa strana che continua a preoccuparmi è l’impossibilità di provare piacere ed eccitazione, come se il clitoride avesse perso sensibilità. Attendo un suo parere.
Cordialità

[#7]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Deve necessariamente eseguire una vulvoscopia.
E' impossibile fare diagnosi.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#8] dopo  
Utente
Grazie per la risposta, non vedo l’ora di avere la possibilità di fare una visita, spero il più presto possibile