Utente 183XXX
Salve, vorrei sapere una volta per tutte quali sono i medicinali comuni che interferiscono con la pillola.So che gli antibiotici sono sconsigliati, ma non si parla di Aspirina, nurofen, Actifed (antistaminico per raffreddore), zerinol, aulin e così via, che sono quelli che uso occasionalmente. Nel caso specifico, ho preso senza pensarci un Actifed dopo appena 2 ore dall'assunzione della pillola Arianna... potrebbe interferire? E per quanto tempo si può prendere, prima di compromettere la copertura? E la "copertura", dopo che si è dimenticati una compressa, o si ha avuto nausea, vomito o diarrea, dopo quante altre compresse ritorna ad essere come prima? Mi rendo conto che sono molte domande... nello specifico mi interessa soprattutto la questione dell'Actifed dopo appena 2 ore.... Vi ringrazio di cuore

[#1] dopo  
M.d. Manrico Fusco

24% attività
12% attualità
8% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2002
qualunque farmaco e/o qualunque sostanza o condizione fisica, interferisca con il normale assorbimento intestinale,può modificare l'efficacia della pillola anticoncezionale.E'chiaro che l'assunzione solo occasionale di antibiotici o antiinfiammatori determina un abbassamento non particolarmente importante ai fini della copertura anticoncenzionale.Si presuppone infatti che il periodo "scoperto "sarebbe da considerare in relazione all'emivita del farmaco assunto.Vale a dire che se si prende un antibiotico,generalmente la copertura anticoncezionale si abbassa nelle 5 o 6 ore successive,lo stesso vale per gli antiinfiammatori.Inoltre stati di disturbo generali che abbiano come effetto diarrea vomito o quant'altro modifichi l'assorbimento della pillola producono senz'altro una riduzione della copertura anticoncezionale,ma sia chiaro solo in relazione a quella giornata,per cui sarebbe preferibile in quel caso magari vedere la tv!
Nel Suo caso specifico se il prodotto che ha preso è da considerarsi occasionale,stia pure tranquilla.Se pensa invece di essere un soggetto allergico e di dover far uso spesso di prodotti simili,almeno per questo periodo ricorra in aggiunta ad altri metodi anticoncezionali.
Ossequi
manrico fusco

[#2] dopo  
Dr. Silvio Liguori

24% attività
4% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2006
Riguardo l'Actifed può stare tranquilla, in tutti gli altri casi conviene associare un secondo contraccettivo in quel mese.
Cordiali saluti.
Dr. Liguori

[#3] dopo  
Utente 183XXX

Non credo di aver capito una cosa, scusate se insisto: il Dott. Fusco mi dice che, anche in caso di diarrea o vomito non si è coperti SOLO per quella giornata (e quindi già dal giorno dopo si possono avere rapporti senza preservativo (posso aver capito male, ovviamente, nel qual caso spero abbia la pazienza di rispondere nuovamente) mentre il Dott. Liguori, come la maggior parte dei medici, consiglia una protezione ulteriore fino alla prima compressa della scatola successiva? Esiste anche una posizione intermedia, quella della mia ginecologa (esimia Professoressa nel campo) che dice che è valida la "regola dei 7 giorni", ovvero, dopo un episodio di vomito o diarrea non seguito da una seconda assunzione, basta assumere 7 compresse successive per ritornare alla copertura solita. Vi dico questo perché proprio di recente mi è capitato di avere un brevissimo episodio di diarrea 5 minuti dopo l'assunzione e sono stata rassicurata solo sul fatto che in 5 minuti la pillola non poteva essere già nell'intestino, ma continuo ad avere moltissima confusione riguardo alla "copertura". Se posso chiedervelo vorrei che rispondeste anche a questo. Grazie infinite

[#4] dopo  
Dr. Maurizio Di Felice

32% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
i pareri discordanti sono difficili da chiarire per cui giocherei sull'esperienza; personalmente visto il basso dosaggio che hanno le pillole in questo momento io mi unisco ai colleghi che consigliano di riconsiderarsi "coperti" alla scatola successiva; per ciò che riguarda l'ultimo episodio dei 5 minuti ritengo che se l'episodio è stato unico non è da considerare rilevante saluti
Dr. Maurizio Di Felice