Utente 436XXX
Buonasera a tutti,
Sono una ragazza di 24 anni e soffro di una malocclusione di 3 classe con morso incrociato laterale e presento un condilo mandibolare più sviluppato dell'altro (perciò capite bene che la simmetria non è proprio il mio punto di forza :D ) e mi è stato consigliato un'intervento per risolvere entrambi i problemi, nonostante non si tratti di un caso grave.

Questa situazione non mi crea particolari problemi, soffro si di mal di testa, soffro di lordosi e ho spesso mal di schiena e non ho un equilibrio eccezionale, ma non so dire se queste problematiche siano legate alla malocclusione e all'asimmetria ossea... Ogni tanto sento una sorta di cigolio e dolenzia all'altezza del condilo destro, ma niente d'ingestibile o particolarmente fastidioso.
A livello estetico e psicologico l'asimmetria mi ha sempre creato problemi, è un qualcosa che mi sarebbe sempre piaciuto migliorare ma che con il tempo ho lasciato perdere a causa di vari scoraggiamenti da parte di persone a me vicine.

Ora è successo che, accompagnando il mio ragazzo ad una visita da uno specialista in chirurgia maxillo-facciale e odontostomatologia, mi sia stato fatto notare che le mie problematiche si potevano risolvere con un intervento chirurgico (tra l'altro convenzionalmente).
Inutile dire che questa notizia ha fatto nascere in me tantissime speranze e gioia, ma al tempo stesso anche dubbi e preoccupazioni.
Le preoccupazioni riguardano i rischi che comporterebbe un intervento del genere, ossia la possibilità di una parestesia, di una paralisi e di qualsiasi altro aspetto che potrebbe rovinarmi; dall'altra parte mi piacerebbe migliorarmi perché, in primis, dal punto di vista psicologico, mi aiuterebbe ad avere più sicurezza in me stessa e poi perché, mi diceva il medico, una situazione come la mia con il tempo potrebbe portare a problemi scheletrici, ad artrosi precoce e a problemi di equilibrio (di cui, come detto prima, già soffro un pochino).

Ho cerco su internet casi di "prima e dopo" per vedere i cambiamenti, ho guardato video dell'intervento e mi sono informata sul post-operatorio e devo dire che l'idea della degenza non mi spaventa, nel senso che sarebbe un cambiamento talmente grande, sognato e importante che sarei pronta ad affrontare le difficoltà e i disagi che la guarigione comporterebbe.

Vorrei, però, capire meglio quali sono gli effettivi i rischi e benefici di un intervento del genere e se, secondo voi, varrebbe la pena rischiare nonostante non si tratti di un caso grave.

Vi ringrazio tanto

Martina

[#1] dopo  
Dr. Armando Ponzi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile paziente,
per i rischi connessi all'intervento, giri la domanda ai colleghi maxillo-facciali, che eseguono questo tipo di intervento.
Il consiglio è di comprendere bene sia le procedure (ortodontista esperto ed incluso nel team di lavoro) sia le implicazioni estetiche successive (corrette aspettative) sia rischi e sequele dell'intervento.
Cordiali saluti
Dr. Armando Ponzi
www.sgfmedical.it

[#2] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Mi aggiungo al collega,consigliandole prima di un qualunque approccio
chirurgico ortodontico ,una valutazione funzionale GNATOLOGICA
in quanto come lei riferisce ........"soffro si di mal di testa, soffro di lordosi e ho spesso mal di schiena e non ho un equilibrio eccezionale, ma non so dire se queste problematiche siano legate alla malocclusione e all'asimmetria ossea... Ogni tanto sento una sorta di cigolio e dolenzia all'altezza del condilo destro.......".
Tali disturbi di norma sono connessi alla malocclusione ed alla disfunzione temporo-mandibolare concomitante.
Inoltre sono presenti anche problemi di postura.
Solo dopo aver trattato il problema funzionale prenda in cosiderazione il trattamento chirurgico-ortodontico,non prima ,esiste il rischio reale di un peggioramento dei sintomi riferiti.
Poi valuti lei se è più importante la funzione o l'estetica.
Cordialmente
Le allego dei link
https://www.medicitalia.it/consulti/ortodonzia/552302-malocclusione-cervicalgia.html

https://www.medicitalia.it/consulti/chirurgia-maxillo-facciale/542760-malocclusione-terza-classe-operazione-bisogno-aiuto-urgentemente.html

https://www.medicitalia.it/consulti/gnatologia-clinica/551383-laterodeviazione-mandibolare-malocclusione.html
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia