Utente 265XXX

buonasera Dottore...le spiego la mia storia circa 30-40 giorni(ho 57 anni) fa ho accusato all'orecchio dx un ronzio tipo pulsante....ho fatto tutte le analisi ...ecodoppler...analisi del sangue..angio-rm del distretto vascolare intracranico o vasi del colle senza ...risonanza magnetica del cervello e tronco encefalico senza e con....risonanza magnetica del massiccio facciale senza e con contrasto....il tutto senza riscontro e soluzione...quello che ho dedotto "scavando "su internet è che mi accomuna è questa patologia -disfunzioni dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM)-...i miei sintomi sono se apro la bocca il fischio aumenta..se premo sulle tempie il fischio aumenta...se premo con un dito sulla parte alta del cranio il fischio quasi sparisce del tutto....in posizione supina il fischio sparisce...se passo la lingua all'interno della bocca sulla gengiva superiore il fischio aumenta....se chino la testa in avanti il fischio aumenta....secondo lei tutti questi sintomi possono essere associati all'atm...grazie per un 'eventuale risposta p.s premetto che non ho dolore alle mascelle...non soffro di Bruxismo...non ho difficoltà ad aprire la bocca ho dentiera superiore protesi inferiore

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, l’acufene è un problema che, quando insorge , viene sottovalutato: all’inizio spesso concede ampie remissioni spontanee, il paziente è portato a credere che “passi da solo”.
Purtroppo , una brutta volta, non passa più, e diventa un problema serio.
Credo che quello che dicono i Colleghi Otorinolaringoiatri, ai quali si è già rivolto, cioé che "gli acufeni sono la loro tomba" rappresenti in qualche modo la realtà nel senso che si tratta di una patologia molto ostica al trattamento.
Vale forse la pena di prendere in considerazione anche una possibilità spesso trascurata.
L'acufene può essere un sintomo di una disfunzione dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) : se infila i suoi mignoli nei meati acustici esterni con i polpastrelli verso l’avanti, e muove la mandibola, si renderà conto dell'intimo rapporto fra Articolazione Temporo Mandibolare e orecchio, e di come tale rapporto possa essere potenzialmente traumatico, a seconda che lo stop determinato dall'intercuspidazione dentaria fermi la rotazione all’indietro che il condilo compie quando si chiude la bocca. Questo infatti può avvenire correttamente se il morso è normale, o troppo tardi se il morso è profondo o la mandibola è all’indietro (retrusa). Quando la mandibola è biretrusa il problema tende ad essere bilaterale, quando é (o è anche) laterodeviata, il problema è monolaterale o prevalente da un lato.
Il conflitto con il condilo mandibolare può riguardare anche la Tromba di Eustachio, e partecipare a sostenere il problema anche per questa via.
Può trovare qualche notizia in più sul rapporto fra ATM e orecchio aprendo questo link:

http://www.studiober.com/patologie/patologia-dellorecchio/
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

Purtroppo l'acufene, se non la tomba, è di certo la bestia nera non solo degli Otorinolaringoiatri, ma anche dei dentisti che si occupano di ATM, perché individua un punto di probabile non ritorno di questo aspetto della disfunzione ATM. Anche se l'acufene è monosintomatico , di solito il discorso non vale: è difficile che la disfunzione ATM provochi SOLO un acufene e non altri sintomi.
La invito quindi a considerare se compaiono anche altri sintomi di disfunzione ATM (cefalea, cervicalgia, dolore auricolare e all'ATM, rumori articolari con i movimenti della mandibola, vertigini, russare notturno con apnee, ostruzione nasale ecc.), e di valutare la qualità dell'acufene: costante o con momenti di silenzio, intensità sempre uguale o variabile, tempo di insorgenza . Tenga infine presente che il trattamento prevede l’applicazione di una placca intraorale di riposizionamento mandibolare, opportunamente conformata ad hoc, simile ad un bite, da portarsi 24 ore al giorno (pasti esclusi) per un tempo congruo a poter trarre qualche conclusione sull’efficacia di questo trattamento (almeno 6 mesi, ma per l’acufene può essere necessario più tempo). In questi casi è importante valutare il risultato della terapia sugli altri sintomi eventualmente riferiti.
Le suggerirei di dare un'occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema.
Cordiali saluti ed auguri.

http://www.medicitalia.it/minforma/Gnatologia-clinica/1348/Acufeni-e-disfunzioni-dell-Articolazione-Temporo-Mandibolare-ATM
www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Dr. Sergio Audino

24% attività
0% attualità
4% socialità
PALERMO (PA)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2008
Come ha ampliamente riportato in precedenza il collega Dr. Edoardo Bernkopf, gli acufeni possono essere ricondotti anche ad una Disfunzione Cranio Mandibolare, ovvero relativa ad alterazioni delle relazioni morfo-funzionali ossee, muscolari ed articolari delle ATM (Articolazioni-Temporo-Mandibolari), dell'intero Apparato Stomatognatico (Masticatorio) e del distretto cranio-cervico-mandibolare. Il sintomo in oggetto, come anche vari altri sintomi "di confine" -otalgia, ipoacusia, vertigini, etc.- che possono coinvolgere varie branche specialistiche, quali la Otorinolaringoiatria, la Neurologia, la Internistica, meritano una attenta valutazione diagnostica differenziale, non solo in tali sedi specialistiche, ma anche in ambito Specialistico Odontoiatrico e soprattutto Gnatologico. Pertanto, le consiglio di affidarsi con fiducia ad uno Gnatologo per effettuare un percorso diagnostico appropiato, nella speranza auspicata che tale diagnosi sia propedeutica alla soluzione terapeutica dei suoi problemi.
Cordialmente. Dr. Sergio Audino www.studioaudinognatologia.it
Dr. Sergio Audino, Medico Chirurgo , Specialista in Odontoiatria e Protesi Dentaria , Gnatologia Clinica , Presidente della S.I.D.-A.T.M