Utente 188XXX

Egregi medici sono 2 anni che soffro di fischi alle orecchie o acufeni in assenza di stimolo o con stimolo mi sono rivolto ad un neurologo e mi ha prescritto citalopram goccie piu delorazepam ma sono ripeto due anni che ne soffro alche mi sono rivolto ad un otorinolaringoiatria e mi ha fatto un esame audiometrico solo a chi miposso rivolgere grazie o casa posso fare

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, l’acufene è un problema che, quando insorge , viene sottovalutato: all’inizio spesso concede ampie remissioni spontanee, il paziente è portato a credere che “passi da solo”.
Purtroppo , una brutta volta, non passa più, e diventa un problema serio.
Credo che quello che dicono i Colleghi Otorinolaringoiatri, ai quali si è già rivolto, cioé che "gli acufeni sono la loro tomba" rappresenti in qualche modo la realtà nel senso che si tratta di una patologia molto ostica al trattamento.
Vale forse la pena di prendere in considerazione anche una possibilità spesso trascurata.
L'acufene può essere un sintomo di una disfunzione dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) : se infila i suoi mignoli nei meati acustici esterni con i polpastrelli verso l’avanti, e muove la mandibola, si renderà conto dell'intimo rapporto fra Articolazione Temporo Mandibolare e orecchio, e di come tale rapporto possa essere potenzialmente traumatico, a seconda che lo stop determinato dall'intercuspidazione dentaria fermi la rotazione all’indietro che il condilo compie quando si chiude la bocca. Questo infatti può avvenire correttamente se il morso è normale, o troppo tardi se il morso è profondo o la mandibola è all’indietro (retrusa). Quando la mandibola è biretrusa il problema tende ad essere bilaterale, quando é (o è anche) laterodeviata, il problema è monolaterale o prevalente da un lato.
Il conflitto con il condilo mandibolare può riguardare anche la Tromba di Eustachio, e partecipare a sostenere il problema anche per questa via.
Può trovare qualche notizia in più sul rapporto fra ATM e orecchio aprendo questo link:

http://www.studiober.com/patologie/patologia-dellorecchio/
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

Purtroppo l'acufene, se non la tomba, è di certo la bestia nera non solo degli Otorinolaringoiatri, ma anche dei dentisti che si occupano di ATM, perché individua un punto di probabile non ritorno di questo aspetto della disfunzione ATM. Anche se l'acufene è monosintomatico , di solito il discorso non vale: è difficile che la disfunzione ATM provochi SOLO un acufene e non altri sintomi.
La invito quindi a considerare se compaiono anche altri sintomi di disfunzione ATM (cefalea, cervicalgia, dolore auricolare e all'ATM, rumori articolari con i movimenti della mandibola, vertigini, russare notturno con apnee, ostruzione nasale ecc.), e di valutare la qualità dell'acufene: costante o con momenti di silenzio, intensità sempre uguale o variabile, tempo di insorgenza . Tenga infine presente che il trattamento prevede l’applicazione di una placca intraorale di riposizionamento mandibolare, opportunamente conformata ad hoc, simile ad un bite, da portarsi 24 ore al giorno (pasti esclusi) per un tempo congruo a poter trarre qualche conclusione sull’efficacia di questo trattamento (almeno 6 mesi, ma per l’acufene può essere necessario più tempo). In questi casi è importante valutare il risultato della terapia sugli altri sintomi eventualmente riferiti.
Le suggerirei di dare un'occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 188XXX

Bgrazie dottore cosa posso dire al neurologo che lui duce s he e scaturito da una depressione ansiogena ma non riesco a capire il nesso cosa gli posso dire lui e convinto non vogluo togliere il merito ma e una cosa che mi da fastidio anche la notte lo percepisco anche per un strada in in presenza di altri suoni e poi quando ritorno a casa o in luogo senza rumori è fortissimo mi verrebbe da mettermi le mani alle orecchie per non sentirli!!!. qst che non mi da pace e tranquillita. .grazie dottore aspwtto sua risposta per questo mio parere

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
E' evidente che un acufene interessa anche la sfera psichica, e se non si riesce a debellarlo, l'unica soluzione è trovare il modo migliore per conviverci.
Purtroppo è così.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#4] dopo  
Utente 188XXX

Il fumo di sigaretta e non fare sport possono essere anche un fattore collegabile ?
Sul bugiardino dell antidepressivo che assumo da 5 anni vi è riportato un effetto colleterale molto comune :
:TINNITUS
Puo centrare qualcosa in merito grazie distinti saluti

[#5] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
TINNITUS significa acufeni
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#6] dopo  
Dr. Gaetano Moccia

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
AFRAGOLA (NA)
VAIRANO PATENORA (CE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente ,
non ha riportato gli esiti dell'esame audiometrico.
Per altro , le posso iniziare a dire che nello studio degli acufeni si cerca di dare sempre piu' importanza al profilo psicologico del paziente. Per questo, sempre piu' spesso si cerca di "lavorare", insieme ad una terapia, se possibile, protesica uditiva , con una una specifica sulla personalita' (psicoterapia ) o farmacologica , dopo aver consultato un Odontoiatra.
Saluti
Dr. Gaetano Moccia
Specialista in Audiologia e Foniatria

[#7] dopo  
Dr. Alessandro Fedi

24% attività
4% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Gentile Paziente,
tutte le risposte che le hanno dato i colleghi sono corrette.
Proprio per questo vorrei aggiungere che , qualora una visita la avvalorasse, la disfunzione neuromuscolare ( di cui il tinnitus è un sintomo) con tutta la sua valenza somatica e psichica, può essere corretta da manovre di medicina manuale condotte insieme insieme con psicoterapia breve ( una-due sedute ).
Talora può essere utile consolidare il risultato positivo con un bite, talora no.
Talora può essere risolutivo semplicemente un bite.
La soluzione più idonea dipende molto dalla sua attitudine ad essere trattato in un modo o nell'altro dopo la visita e le valutazione che ne darà.
Cordiali saluti
Dr.Alessandro Fedi Spec.Odontostomatologia Spec.Ortognatodonzia Gnatologo Psicoterapeuta Ipnosi www.guardachesorriso.com www.ipnosiodontoiatrica.it

[#8] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Concordando con il collega Bernkopf, mi limito ad approfondire alcuni aspetti.

Diversi antidepressivi aumentano il fenomeno del bruxismo, e quindi i sintomi ad esso collegati.
Qui una serie di articoli sull'argomento bruxismo:
www.studioformentelli.it/pagine/articoli/bruxismo

Il trattamento dei sintomi della disfunzione temporo mandibolare, (non solo degli acufeni) prevede quasi sempre l'applicazione di una placca orale (bite).
La sua conformazione è variabile da caso a caso, e il tempo di applicazione varia a seconda della formazione professionale del professionista.
Il sottoscritto, ad esempio, costruisce dei bite da appicare esclusivamente la notte.
Fuorviante quindi l'affermazione del collega
"da portarsi 24 ore al giorno"
che deve piuttosto essere intesa:
"da portarsi, per i bite costruiti secondo la mia metodica, 24 ore al giorno".
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)