Utente 449XXX

Salve a tutti i gentili Dottori, sono qui perché non ho trovato ancora rimedio ai miei acufeni. Sono ormai anni che ad un certo punto sento questo fischio da entrambi gli orecchi però oggi sono qui per darvi dei sintomi ben dettagliati per cui potermi dare una strada da percorrere alla ricerca della cura definitiva. Allora, il fischio a volte sembra che si spostò da un orecchio all' altro sembra che a volte sia a destra e a volte a sinistra. Quando declutisco percepisco questi tac alle orecchie sopratutto al la top destro e meno al sinistro. Se muovo il collo fa degli scricchioli ed anche la mandibola ma questo fin da bambino. Se faccio pressione alla mascella il fischio aumenta nelle orecchie e rilasciando diminuisce. Inoltre ho una riduzione minima dell orecchio destro
Questi sono tutti sintomi che ho ma che nessun dottore ha mai preso in considerazione ma io li ritengo punti fondamentali per la guarigione della mia malattia. Vi chiedo di aiutarmi, e se ho sbagliato tipologia di indirizzarsi a quella corretta. Cordiali Saluti Giacomo

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Salve,
escludendo problemi ORL,l'acufene può essere un sintomo
di una Disfunzione Temporo Mandibolare ( mi sembra che
citi degli scricchiolii alla mandibola ,non li specifica come click/rumori articolari, che sono propri del DTM ).Non
aggiunge se ha malocclusioni dentarie,se bruxa,ecc.,
se oltre agli acufeni ed agli "scricchiolii", ha dolori articolari ATM/ muscolari,cefalea,cervicalgia,ecc.
Le consiglio una visita Gnatologica e le allego un link
di un valido Collega Gnatologo sugli acufeni,lo legga.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1348-acufeni-disfunzioni-articolazione-temporo-mandibolare-atm.html

Buona Giornata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, l’acufene è un problema che, quando insorge , viene sottovalutato: all’inizio spesso concede ampie remissioni spontanee, il paziente è portato a credere che “passi da solo”.
Purtroppo , una brutta volta, non passa più, e diventa un problema serio.
Credo che quello che dicono i Colleghi Otorinolaringoiatri, ai quali penso si sia già rivolto, cioé che "gli acufeni sono la loro tomba" rappresenti in qualche modo la realtà nel senso che si tratta di una patologia molto ostica al trattamento.
Vale forse la pena di prendere in considerazione anche una possibilità spesso trascurata.
L'acufene può essere un sintomo di una disfunzione dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) : se infila i suoi mignoli nei meati acustici esterni con i polpastrelli verso l’avanti, e muove la mandibola, si renderà conto dell'intimo rapporto fra Articolazione Temporo Mandibolare e orecchio, e di come tale rapporto possa essere potenzialmente traumatico, a seconda che lo stop determinato dall'intercuspidazione dentaria fermi la rotazione all’indietro che il condilo compie quando si chiude la bocca. Questo infatti può avvenire correttamente se il morso è normale, o troppo tardi se il morso è profondo o la mandibola è all’indietro (retrusa). Quando la mandibola è biretrusa il problema tende ad essere bilaterale, quando é (o è anche) laterodeviata, il problema è monolaterale o prevalente da un lato.
Il conflitto con il condilo mandibolare può riguardare anche la Tromba di Eustachio, e partecipare a sostenere il problema anche per questa via.
Può trovare qualche notizia in più sul rapporto fra ATM e orecchio aprendo questo link:

http://www.studiober.com/patologie/patologia-dellorecchio/
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."
Quanto lei riferisce ("Se muovo il collo fa degli scricchioli ed anche la mandibola") rinforzerebbe questo sospetto.
Purtroppo l'acufene, se non la tomba, è di certo la bestia nera non solo degli Otorinolaringoiatri, ma anche dei dentisti che si occupano di ATM, perché individua un punto di probabile non ritorno di questo aspetto della disfunzione ATM. Anche se l'acufene è monosintomatico , di solito il discorso non vale: è difficile che la disfunzione ATM provochi SOLO un acufene e non altri sintomi.
La invito quindi a considerare se compaiono anche altri sintomi di disfunzione ATM (cefalea, cervicalgia, dolore auricolare e all'ATM, rumori articolari con i movimenti della mandibola, vertigini, russare notturno con apnee, ostruzione nasale ecc.), e di valutare la qualità dell'acufene: costante o con momenti di silenzio, intensità sempre uguale o variabile, tempo di insorgenza . Tenga infine presente che il trattamento prevede l’applicazione di una placca intraorale di riposizionamento mandibolare, opportunamente conformata ad hoc, simile ad un bite, da portarsi 24 ore al giorno (pasti esclusi) per un tempo congruo a poter trarre qualche conclusione sull’efficacia di questo trattamento (almeno 6 mesi, ma per l’acufene può essere necessario più tempo). In questi casi è importante valutare il risultato della terapia sugli altri sintomi eventualmente riferiti.
Le suggerirei di dare un'occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/Gnatologia-clinica/1348/Acufeni-e-disfunzioni-dell-Articolazione-Temporo-Mandibolare-ATM
https://www.medicitalia.it/minforma/Otorinolaringoiatria/961/Otite-che-non-guarisce-colpa-dei-denti
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#3] dopo  
Utente 449XXX

Salve Dottori avete ragione. Mi sono scordato di dirvi che ho una malocclusione dentale quella che spinge indietro con leggera deviazione mandibolare verso destra. Con una visita mi diagnosticarono una sospetta asimmetria facciale e sembra che abbia anche il naso leggermente deviato verso destra. Quando ero piccolo all età di 8 anni mi tolsi un dente da latte e con il tempo gli altri denti sono andati a chiudere questo spazio che a mio avviso ha fatto cadere la parete di denti sul lato destro nel senso che sembrano che si siano abbassati e rientrati e questo causa la malocclusione lo sbilanciamento ecc. Ho apnee e l'acufene è costante. Non ho dolori, non bruxo, Il punto è, che devo fare ? A chi mi devo rivolgere per intraprendere una percorso di guarigione ? Vedo molto valida la ipotesi di questa specie di Bite che mi ha proposto il Dr Edoardo. Io abito nei pressi di Firenze se possa esservi utile per indirizzarmi a uno specialista ma sarebbe meglio che mi indicaste il percorso passo passo. Io vi ho dato tutte queste informazioni, spero che riescano a farvi capire. Grazie per il vostro tempo.

[#4] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Salve,
lei cita di avere una malocclusione,ma quale?
" ....ho una malocclusione dentale quella che spinge indietro con leggera deviazione mandibolare verso destra..."

Posso ipotizzare una 2a classe con mandibola retrusa
e forse morso profondo?

"..... Quando ero piccolo all età di 8 anni mi tolsi un dente da latte e con il tempo gli altri denti sono andati a chiudere questo spazio che a mio avviso ha fatto cadere la parete di denti sul lato destro nel senso che sembrano che si siano abbassati e rientrati e questo causa la malocclusione lo sbilanciamento ecc."
Anche in questo caso è poco chiaro : non vedo correlazioni
con quanto narra,potrebbe avere un cross-bite con
conseguente deviazione mandibolare.....

Piuttosto che avventurarci in ipotesi on line credo che la
cosa migliore sia consultare uno gnatologo per approfondire
e soprattutto per una DIAGNOSI circostanziata
Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia