Utente 128XXX
Salve a tutti.
Ci tengo inizialente a ringraziare tutti i collabortori del sito per il lodevole, competente e spesso paziente servizio svolto.
Vengo al dunque.
Poco più di un mese fa ho avuto un rapporto orale e vaginale protetto con una prostituta. il preservativo, tenuto per tutta la durata del rapporto sia orale che vaginale, non credo si sia rotto, credo e spero che ce ne saremmo accorti, almeno a fine rapporto.
a circ un mese di distanza ho notato, dopo un'uscita in bicicletta il giorno stesso e una corsa in palestra il giorno prima, delle bollicine rosse nella parte esterna di entrambe le gambe, all'altezza del pene, circa 10 su entrambi i lati.
non essendo affatto avvezzo a simili comportamenti, mi è un pò preso il panico e mi sono lasciato spaventare da internet e dall'autodiagnosi.
il giorno seguente sono andato dal medico che mi ha detto che erano semplici bollicine dovute allo sfregamento e al sudore, e a 5 giorni di distanza sono ancora presenti ma meno evidenti.
dopo un pio di giorni dalle bolle ho anche avuto un pò di febbre, max 37,8, che potrebbe essere dovuta al freddo preso in questi giorni.
non ho dolori mucolari, solo un pò di mal di schiena peraltro cronico. niente mal di gola, se non appena appena accenato. niente nausea, se non minima che peraltro non mi toglie appetito e non mi creafastidio. niente vomito, diarrea o mal di testa cronici.
non mi sembra di avere particolari sintomi, ma insieme al dubbio a causa dell'esperienza nuova avuta, mi è rimasta anche la paura. farò il tst a 60 giorni ma intanto cerco di tranquillizzarmi.
Secondo voi, avendo avuto un rapporto protetto per tutta la durata e non essendoci accorti di rotture (che ovviamente possono anche essere sfuggite), c'è rischio che possa essere stato contagiato pulendomi con il fazoletto il pene in modo scorretto al momento della rimozione del preservtivo? magari mi sono pulito con la parte di fazzoletto con la quale ho toccato la parte estern del profilattico e qualcosa mi è rimasto addosso!
Ringrazio di nuovo di cuore per la disponibilità, sperando di poter stare tranquillo.

Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

con un rapporto sessuale protetto non vi è rischio di contagio da HIV.
Con la contaminazione accidentale del glande da parte del fazzoletto sporco di secreto vaginale, un rischio teorico c'è, ma è basso.

Ad ogni buon conto, il test HIV va fatta dopo 30-40 giorni e, se negativo, ripetuto al 90° giorno.

Lo faccia pure, per sua tranquillità.
Le sarei grato se mi volesse aggiornare sull'esito dei test (che prevedo negativi).

Per le bollicine cutanee, non vedo alcuna correlazione con l'HIV.
Se non sono scomparse e dovesse esserci ancora prurito e rossore, le consiglio una visita dermatologica per escludere una parassitosi o una dermatite.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 128XXX

Dottore...

La ringrazio di cuore per la risposta... sono più tranquillo, anche se un pò di preoccupazione e ansia non può non esserci comunque...
le bollicine stanno scomparendo da sole...
e ho fatto sabato il test con metodo elisa, quindi a circa 38gg dal rapporto.
tra un paio di giorni dovrei avere le risposte, e non mancherò di tenerla aggiornato, anche per ringraziarla della sua disponibilità.

Che rischio c'è che il test appena fatto dia un risultato falsamente negativo rispetto a quello che eseguirò a 90gg?

Un'ultima domanda: nell'ultima settimana sto prendendo dei medicinali omeopatici prescrittimi dal medico, in seguito alla leggera febbre che ho avuto. Mi sono comunque premunito di non prenderli nelle 24h precedenti il prelievo per il test. Inoltre sto facendo il vaccino per l'allergia a pollini e altro, ma l'ultima iniezione l'ho fatta un mese fa. Queste 2 cose potrebbero in qualche modo falsare il risultato del test?

DI nuovo grazie e a presto per gli aggiornamenti...

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

- il primo test dà una sicurezza del 97%;
- vi può essere se mai al contrario anche una probabilità, scarsa, di falsa positività;
- va fatto il secondo test ai 90 giorni solo per raggiungere una sicurezza del 100%.

Le altre circostanze non vanno a interferire con la corretta esecuzione del test.

Ribadisco, però, che nel suo caso, essendosi trattato di un rapporto sessuale protetto, non vi è alcun motivo di temere che i test risultino positivi.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#4] dopo  
Utente 128XXX

Salve Dottore...

ho ritirato la risposta del test, effettuato a 38 giorni:

Anti HIV 1/2: NEGATIVO!!!

Meno male... sono decisamente sollevato. Ora aspetterò i 90 giorni dal rapporto per fare il test definitivo.

Ho letto che su alcuni siti consigliano il test a 2 e 6 mesi... è utile che prima di quello a 90gg io faccia anche quello a 60, per non perdere tempo ad iniziare terapie in caso di eventuale positività?

Ringraziandola ancora per la disponibilità...

Cordiali saluti...

[#5] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
no, non è necessario fare un test anche ai 60 giorni:
il test negativo ai 38 giorni ha una sicurezza del 97%;

il test ai 90 giorni serve solo per dare il 100% di sicurezza.

Sono contento per lei, che ora è più tranquillo.
Mi tenga pure al corrente dell'esito del secondo test,
anche se sono sicurissimo che anche questo risulterà negativo.

Buona serata.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#6] dopo  
Utente 128XXX

Salve Dottore...

mi permetto di approfittare di nuovo della sua disponibilità e competenza, sperando di non disturbare...

Volevo solo porle una domanda riguardo alle bollicine di cui le avevo già parlato. Quelle apparse inizialmente sono quesi riassorbite, è rimasto solo un leggero arrossamento. Però me ne sono spuntate di nuove, sia sulle gambe che sul fondoschiena che sul corpo (lungo i fianchi). Alcune sono semplici puntini rossi, altre bollicine rosse, e alcune sono del tutto simili a brufoli, cioè con la base rosse e la bolla gialla sopra. Intendiamoci... non ne sono certo ricoperto... qualche bollicina quà e là... ma dato che su molti siti ho letto che tra i possibili sintomi ci sono spesso rash ed esantema volevo sapere se quelle che presento io potrebbero essere riconducibili a questi fenomeni e quindi essere un possibile allarme.

tra l'altro non mi danno prurito, tranne una ogni tanto dove viene a contatto col boxer. e il periodo finestra di 2-6 settimane, nel quale dovrebbero presentarsi eventuali sintomi per la fase acuta del virus, è finito la settimana scorsa ma qualche bollicina nuova l'ho notata ieri.

Saluti e grazie ....

[#7] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

non disturba affatto.

Le bollicine di cui mi parla non hanno alcuna attinenza con il virus HIV.
Stia tranquillo e vedrà che anche il secondo test risulterà negativo.

Cordiali saluti.

Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#8] dopo  
Utente 128XXX

Grazie mille....

la terrò informato....

Saluti

[#9] dopo  
Utente 128XXX

Prometto che cercherò di non disturbarla più su quest'argomento...

ma mi sembra che i puntini rossi stiano aumentando, in particolare lungo i finchi e sulla schiena... la maggior parte sono davvero dei puntini rossi di piccole dimensioni, che si stanno presentando a chiazze, più numerosi in più parti del corpo...

posso continuare a stare tranquillo per quanto rigurda l'hiv (si parla spesso di esantema tra i possibili sintomi, che cosa si intende per esantema?) e pensare a qualche disturbo alimentare o di altra natura...?

Saluti e grazie ancora

[#10] dopo  
Utente 128XXX

Scusi ancora... per precisare. i puntini rossi (comunque non in numero esagerato) si trovano a gruppetti in 4 o 5 punti che vanno dal fondoschiena ad appena sotto le ascelle, sia a destra che a sinistra. per ora non ne noto sulle braccia, sul viso, sulle gambe (tranne quelle di un mese fa) e nemmeno su pancia, torace e collo.

Le sue parole mi tranquillizzano, ma quello che mi tiene in ansia è quello che leggo in alcuni siti che sembrano affidabili.

Quì (http://www.aids.it/area-medica/trasmissione/quali-sono-sintomi.asp) si parla di esantema (è il mio caso?) che potrebbe presentarsi dopo 3-6 settimane dal contagio. e questo periodo corrisponde proprio a quello in cui sono comparse a me! :(

inoltre nello stesso sito, quì (http://www.aids.it/area-medica/diagnosi/diagnosi.asp), si dice che:

" Gli anticorpi anti-HIV si sviluppano dopo circa 2 mesi dal momento del contagio; nella maggior parte delle persone contagiate gli anticorpi sono rilevabili nel sangue dopo 6 mesi dal contagio."

e questo mi toglie tranquillità anche sulle certezze che mi aveva dato il test a 38gg.

Nonostante le preoccupazioni e l'ansia mi riprometto di provare a non disturbarla oltre se non sarà necessario.

Saluti

[#11] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

abbandoni le sue preoccupazioni sui puntini rossi, che non hanno alcuna correlazione con l'HIV.

Se va nel sito del Ministero della Salute, potrà leggere al punto 16:
"La persona con HIV mostra segni/sintomi dell'infezione?
No, in quanto lo stato di infezione può mantenersi a lungo senza alcun sintomo".

Solo in casi di rapporti sessuali a sicuro rischio (con sieropositivi) è consigliato un terzo test a 180 giorni.

https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=58099

http://www.ministerodellasalute.it/faqGenerale/faqGenerale.jsp?id=7&area=aids&paginaprovenienza=null&numeroFaq=33#33

http://www.ministerosalute.it/hiv/paginaInternaHiv.jsp?id=194&menu=conoscere

http://www.ministerosalute.it/hiv/paginaInternaHiv.jsp?id=195&menu=conoscere

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#12] dopo  
Utente 128XXX

La ringrazio ancora Dottore...

tra l'altro ho eseguito la visita medica aziendale nel weekend e il dottore mi ha detto che, viste così di sfuggita, le bollicine sembravano dovute ad alimentazione o stress.

tra l'altro, dopo che anche grazie al suo aiuto mi sono un pò tranquillizzato, mi sembra che stiano già in gran parte sparendo. forse era davvero solo stress. e probabilmente quel poco di febbre e la lingua con una leggera patina bianca che ho avuto per qualche giorno dopo un mese dal rapporto non erano sintomi di quello che temevo.

la ringrazio ancora di cuore e le farò sapere il risultato ai 90 giorni.

Cordiali saluti.

[#13] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
sono contento che si sia finalmente tranquillizzato.
Mi faccia pure sapere il risultato del test a 90 giorni (che sarà sicuramente negativo)

Saluti
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#14] dopo  
Utente 128XXX

Caro Dottore...

è vero che sono più tranquillo, per diversi motivi.

per le sue rassicurazioni e per il test Elisa a 38gg.

perchè le bollicine rosse cutanee in effetti ho notato che, pur essendone apparsa qualcuna nuova, si accentuano con il sudore e poi si attenuano quando non sono più sudato, per restando presenti.

perchè spero che, se si fosse rotto il preservativo durante il rapporto o io o la escort (soprattutto lei che lo fa di mestiere) ce ne saremmo accorti, specialmente lei durante la mia eiaculazione durante il rapporto vaginale. spero di non sbagliarmi.

perchè non è detto che la prostituta fosse sieropositiva (e anche in questo caso e nell'ipotesi di rottura del preservativo non è detto che io sia stato contagiato... o è una cosa così matematica?)

Però, nonostante questo, non riesco a ritrovare la serenità. continua ad essere un pensiero a volte nascosto ma fisso. da un paio di giorni ho l'impressione di sentire un linfonodo ingrossato sotto l'ascella sinistra, nella destra lo sento molto meno. non so nemmeno se si tratta di un linfonodo perchè riesco a sentirlo chiaramente solo quando alzo il braccio e mi lavo con sapone, forse perchè si ammorbidisce la pelle... non lo so. sembra di forma tondeggiante o comunque oblunga, non so se potrebbe essere parte di un muscolo o chissà cos'altro.

sarà dura aspettare i 90100 giorni per sapere il responso definitivo...

Scusi ancora per il disturbo presente e futuro e accetti di nuovo i miei più sinceri e sentiti ringraziamenti...

[#15] dopo  
Utente 128XXX

Mi sono perfino procurato un'irritazione nel punto in cui mi sembra di sentire il presunto linfonodo a causa di tutte le volte che l'ho controllato palpando in continuazione con le dita...!

Spero che questa storia finisca presto e bene...

[#16] dopo  
Utente 128XXX

Inoltre non sono nemmeno più così sicuro che le bollicine siano accentuate solo dal sudore...
anche ora che sono a casa alcune sono piuttosto accentuate e in genere qualcuna nuova ogni tanto la noto...
e poi, se dipendessero solo dal sudore... facevo sport anche prima dell'estate e non c'erano!
è vero che ad agosto ho mangiato più del solito e anche piuttosto male... magari c'entra qualcosa...

spero di poter stare tranquillo nonostante le coincidenze (speriamo!) delle bollicine, la leggera febbre, la lingua leggermente bianca e i presunti (speriamo anche questo, solo presunti!!!) linfonodi ingrossati sotto l'ascella... tutto proprio dopo la 4a settimana dal rapporto a rischio.

Per oggi l'ho disturbata anche troppo, mi perdoni e grazie ancora.

Saluti

[#17] dopo  
Utente 128XXX

I presunti linfonodi mi sembra di sentirli ancora... anche senza lavarmi con sapone...

non so se può trattarsi di altro, muscoli o non so cosa... non so più cosa pensare...

se fossero linfonodi dovrei preoccuparmi vista la coincidenza di tempi...?

[#18] dopo  
Utente 128XXX

Caro dottore...

se non mi risponde più evidentemente l'ho disturbata troppo... e mi scuso per questo...

cercavo solo di trovare validi motivi per tranquillizzarmi nonostante le 'coincidenze'...

[#19] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non le ho risposto più
perchè non ce n'era motivo

Si tranquillizzi e non si metta a fantasticare su ipotesi improbabili.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#20] dopo  
Utente 128XXX

Grazie ancora dottore...

sono riuscito a tranquillizzarmi un pò ultimamente, anche perchè non posso fare altro che aspettare e cercare di non badare ai presunti sintomi che si presentano.

Farò il test per sicurezza allo scadere dei 100 giorni, e sarà la prossima settimana. quale test mi consiglia di fare?

sperando che vada tutto bene le porgo cordiali saluti...

[#21] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,
dipende dal laboratorio a cui si rivolge.
Comunque, ai 100 giorni e per il bassissimo rischio, qualsiasi test va bene.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#22] dopo  
Utente 128XXX

Eseguirò il test in un ospedale...

quindi sia il test Elisa Anti HIV 1/2, eseguito l'altra volta, che il Western-Bolt vanno bene, non ci sono diferenze...?

Devo dire che ultimamente mi ero piuttosto tranquillizzato... ora ho fatto lo sbaglio di leggere il consulto dell'utente 135835 a cui lei ieri ha dato risposta e mi sono tornate le preoccupazioni.

1) Anche lui ha notato la comparsa di bollicine - le mie erano, come ricorderà, ai lati delle gambe, su entrambe nello stesso punto, ad altezza bacino, e su fianchi e schiena. solo un paio sulle mani sul viso e qualcuna sporadica da altre parti. non mi causavano prurito (se non qualcuna mo molto leggero) e continuano ancora ad apparire dopo 2 mesi da quelle iniziali sulle gambe che seppur quasi scomparse sono ancora appena visibili.

2) mal di gola lieve ma strano, non il solito bruciore... dice l'utente. - stessa definizione che darei al mio, che da più di un mese ogni tanto torna. comunque è solo un leggero fastidio, compreso a volte il fastidio ai lati del pomo d'adamo al tatto, che presenta anche l'altro utente. anche se nel mio caso non è mai diventato doloroso ed è rimasto un semplice fastidio occasionale di qualche giorno.

Inoltre ultimamente, dopo l'irritazione sotto l'ascella che le avevo descritto tempo fa, ho un fastidio sotto le ascelle, forse a causa dello sfregamento con i vestiti visto che di notte non lo sento quasi. probabilmente è una conseguenza delle irritazioni che mi ero procurato in quei giorni in cui andavo continuamente a palpare sotto le ascelle per verificare i presunti linfinodi...?

Spero non siano coincidenze rilevanti visto che a lui si è rotto il preservatitvo....! Spero che l'utente posti al più presto i risultati...

Grazie ancora per la continua attenzione....

[#23] dopo  
Utente 128XXX

Buonasera Dottore...

volevo comunicarle che ho eseguito il test Elisa sabato, quindi a circa 100gg.

avrò il responso nel fine settimana, nonnmancherò di comunicarglielo sperando che sia positivo.

sono abbastanza tranquillo. ho solo qualche dubbio pe un possibile (anche a detta del mio medico) linfonodo ingrossato dietro un orecchio... c'è da dire che per sentire bisogna fare un minimo di pressione, se si passa il dito senza fare pressione non si sente. mi sembra ci sia qualcosa di simile anche dietro l'altro orecchio. qualcosa di rotondeggiante sotto pelle. speriamo bene...

mi scusi se sono stato troppo insistente in passato...

Cordiali saluti

[#24] dopo  
Utente 128XXX

Salve Dottore,

il test eseguito a 100gg è negativo, come lei prevedeva. Sul referto leggo:

hiv antigene/anticorpo sierologia:negativo

le chiedo la cortesia di rispodere solo a 2 domande e poi la lascerò in pace.

1) entrambe le volte ho richiesto un test elisa, nella prima sul responso compariva la dicitura 'anti hiv 1|2', nella seconda la dicitura ' hiv antigene/anticorpo'. perchè questa differenza avendo richiesti lo stesso test?

2) sui link che lei mi ha dato in passato ho letto che si usa di solito il test elisa a 40gg e poi a 100 il western-bolt per conferma. posso stare tranquillo avendo effettuato anche la seconda volta un test elisa? posso ritenere risolto il problema senza pensare al test dei 180gg?

Grazie di tutto.

[#25] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009

- anti hiv 1/2 perchè i ceppi virali sono 2 (HIV1 e HIV2)

- non so dirle sulla dicitura, certamente nel secondo test sono andati a cercare sia l'antigene che l'anticorpo, ma penso anche nel primo.

- soprattutto può considerare il problema risolto, senza pensare al test dei 180 giorni; i due test, infatti, li ha eseguiti solo per una estrema cautela, perchè il suo rapporto sessuale (protetto) non era da considerare a rischio.

Non mi ha disturbato affatto, siamo qui per rispondere e lo facciamo volontariamente e con piacere.

Buona serata.

P.S. Tra un pò uscirà nei sito un MinForma "La storia dell'AIDS";
lo legga, è interessante.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it