Utente 263XXX
Salve. ho ventisei anni e sono all'11esima settimana di gravidanza.
Mio padre il 20 luglio ha iniziato ad avere fortissimo dolori alla schiena e solo il 29 gli sono apparse le macchie del cosiddetto fuoco di sant'antonio. Io non vivo in casa ma da sabato 4 agosto sono tornata a casa dei miei soltanto dopo aver sentito il parere della mia ginecologa la quale mi ha rassicurata dicendomi di stare tranquilla perchè il fuoco di s. antonio non può essere contagioso per via aerea ma solo se si entra in contatto con il liquido delle vescicole aperte. Ovviamente non sono una folle pertanto adottando le giuste precauzioni come, non toccarlo, usare asciugamani diversi e non sdraiarmi sul suo letto ecc.... non mi sono creata problemi.
Due giorni fa mio padre è andato dal dermatologo il quale gli ha detto che il suo virus per me è pericolosissimo anche stando nella stessa stanza, a maggior ragione che io non ho mai avuto la varicella (e nessun'altra malattia infettiva).
Ora mi trovo molto in confusione ed estremamente impaurita soprattutto perchè temo le conseguenze della varicella sulla gravidanza e il mio piccolo. Lei cosa ne pensa? Possibile che la mia ginecologa sia stata cosi imprudente?? Nell'eventualità dovessi contrarre la varicella, a quali rischi vado incontro?? La ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Gentile signora,
ha effettuato i test ematici di ricerca anticorpale [Anticorpi anti - Varicella Zoster (VZV) IgG-IgM] per vedere se, invece, in forma asintomatica, ha avuto la Varicella?

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 263XXX

Che non abbia avuto la varicella come nessun'altra malattia infettiva ne sono sicura. mia madre ha controllato anche nel mio libretto sanitario.
Da piccolo mio fratello risulta avercela avuta in modo molto lieve cosi come la rosolia, ma a me non ha attaccato nulla. Lei ritiene che sia utile sottopormi a questa analisi? Potrebbe essere pericolosa la malattia nel mio stato??
Grazie ancora

[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Una paziente in stato di gravidanza è utile che debba conoscere preventivamente questi dati.

Comunque, se la mamma si ammala, non è detto che il virus passi anche al feto.
Nei casi più gravi si può verificare aborto spontaneo.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it