Utente 363XXX
Buon giorno, ieri ho eseguito un test Hiv, a 5 mesi e mezzo dal rapporto a rischio, con un ragazzo dalle abitudini fortemente promiscue. Il test è risultato negativo, ma la domanda riguarda il metodo di analisi adottato (test eseguito presso un laboratorio pubblico provinciale di Trento). Il referto riporta:

HIV - ANTICORPI E ANTIGENE: NEGATIVO.
Metodo: elettrochemiluminescenza.

Più sotto c'è scritto: il test HIV Combi PT utilizzato per questa ricerca è un test di screening e rivela sia la presenza dell'antigene p24 dell'Hiv 1 che la presenza degli anticorpi totali anti HIV 1 e anti HIV 2.

Valutazione ottica del campione del siero. NELLA NORMA.

Chiedo:
- il metodo utilizzato dal mio laboratorio è affidabile al 100%? in che cosa si distingue dal metodo ELISA di cui sento più spesso parlare?
- il test eseguito a 5 mesi e mezzo dall'ultimo rapporto con una persona a rischio è affidabile in che percentuale? devo ripetere il test a 6 mesi (tra 20 giorni) o posso ritenermi negativa in via definitiva?
- ci sono possibilità di falsi negativi?

Ringrazio in anticipo e saluto cordialmente lo specialista che vorrà tempestivamente rispondermi. L'ansia accumulata in questi giorni mi ha demolita psicologicamente...

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Tranquillità: è un test negativo in modo definitivo.
Carissimi saluti.
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 363XXX

Grazie dott. Laino.
Complimenti per questo servizio che prestate e per il tempo che dedicate a tutti.
un caro saluto

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Grazie dei complimenti e cari saluti a Lei!
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it