Utente 439XXX
Salvo sono Roberta, ho 37 anni e ho scoperto di non essere immune alla rosolia, La ginecologa mi ha consigliato di non fare il vaccino in quanto un contatto con lo stesso risulta dagli esami del sangue e rifarlo ora non porterebbe a nulla. Ora, con tutto quello che si sente in giro dei problemi che possono nascere contraendo il virus in gravidanza, cosa è consigliabile fare? Sono sicura che mi verrà risposto di fare il vaccino, ma quali sono le reali probabilità che oggi venga contratto il virus? La zona in cui risiedo è Mantova e sono raramente a contatto con bambini (ho nipoti piccoli che non vedo spessissimo, lavoro con colleghe mamme di bimbi piccoli). Se decidessi di fare il vaccino, significa che fino a quando non risulto immune non posso provare a cercare una gravidanza e quindi potrebbero essere anche mesi????
Grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Una rosolia contratta in gravidanza può causare malformazioni al feto, quindi sarebbe opportuno che le donne in età fertile siano immuni, per evere contratto la malattia nell'infanzia, o se non immuni siano vaccinate, considerando, però, che dopo il vaccino è opportuno non rimanere incinta nei due mesi successivi alla vaccinazione. Ne parli con la sua ginecologa
Un saluto

A. Baraldi