Utente 394XXX

Gentilissimi dottori, in ragione dei diversi (ma sembra non numerosi) casi di Meningite, chiedo se pare opportuno eseguire il vaccino e, se del caso, per quali ceppi.

Mi scuso per la banalità della domanda, ma mi è necessario un chiarimento al riguardo.

Pertanto, con la presente, vorrei anche essere delucidato sui rischi collegati alla vaccinazione e quali conseguenze potrebbe comportare l'iniezione.

Ringrazio tutti gli specialisti di settore.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
i ceppi responsabili dei casi di Meningoencefalite Meningococcica in Italia sono il C ed il B.
Se vuole effettuare la profilassi, pertanto , deve vaccinarsi contro questi due ceppi.
La vaccinazione non comporta di regola rischi specifici, e le reazioni post vaccinali sono solitamente molto contenute.

Cordialità,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 394XXX

La ringrazio di cuore.

Solo per scongiurare la psicosi scatenata dai media, quali sono i sintomi che devono farci allertare in caso di contagio?
Mi sembra di capire che l'infezione sia letale per i bambini, forse perché non sono sempre in grado di esternare i propri sintomi, al contrario degli adulti che, invece, li prendono con leggerezza.

Cordialmente la saluto

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
La sintomatologia classica della meningite è la comparsa di febbre elevata, ottundimendo del sensorio accompagnato da intensa cefalea, vera rigidità del rachide cervicale e altri segni che il medico degno di tale nome sa evocare durante la visita.
La tempestività della terapia antibiotica è un fattore decisivo, anche solo nel dubbio.
Purtroppo la sespi da meningococco provoca una danno multiorgano sicchè l'exitus è la norma, spesso nel giro di ore.
Ma si può decere improvvisamente anche per morte aritmica (1 caso in Italia ogni 8 minuti), perchè cade un vaso dalla finestra e ci fracassa il cranio, perchè attraversando sulle strisce pedonali qualcuno ci investe, perchè si rompe un aneurisma cerebrale, perchè scendendo da una scala ripida si inciampa.....
"Stat sua cuique dies" scriveva saggiamente Virgilio nell'Eneide.

Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 394XXX

Carissimo dottore La ringrazio per la risposta. Talvolta, occorre fare prevenzione e conoscere meglio le patologie, senza allarmarsi troppo, perché internet (parlo di dottor google) oppure l'informazione televisiva non sempre rendono giustizia all'uditorio. Resta il fatto, quasi inspiegabile, di come talvolta fanno apparire questa patologia un fulmine, anche se presenta una evidente sintomatologia, tale da potersi attivare per un intervento medico.

Saluti

[#5] dopo  
Utente 394XXX

Carissimo dottore,

Ho rinvenuto il mio libretto sanitario di quando venni internato in caserma per l'addestramento reclute presso l'esercito italiano. Risulta certificato con timbro del dirigente del servizio sanitario militare che avessi eseguito le seguenti vaccinazioni di cui ignoro la loro natura e pertanto chiedo a lei di illuminarmi al fine di comprendere per quale ceppo debba correttamente vaccinarmi. Le vaccinazioni sono state certificate nell'anno 10 dicembre 2007 e sono:

Trivalente (S.C. cosa sono queste iniziali?)
Mempovax (S.C. cosa sono queste iniziali?)
1 VivoTif (O.S. cosa sono queste iniziali?)
2 VivoTif (O.S. cosa sono queste iniziali?)
3 VivoTif (O.S. cosa sono queste iniziali?)
4 VivoTif (O.S. cosa sono queste iniziali?)
Tet-Dif-Polio (I.M. cosa sono queste iniziali?)

tra queste ce n'è uno per la meningite? Se si devo richiamarlo? e nel caso per quale ceppo dovrei ancora vaccinarmi?

Grazie mille

[#6] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
S.C. sta per sottocute
O.S. sta per bocca
I.M. sta per intramuscolo.
Il Menpovax se la memoria non mi inganna era un vaccino, non più in commercio, che esisteva sia con i ceppi A+C che come vaccino polivalente.
In ogni caso se sono passati più di 4 anni è consigliabile che lei faccia il richiamo per il ceppo C e si vaccini contro il ceppo B che sicuramente non le è stato mai inoculato, per nessuna via.
Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.