Utente 618XXX
buongiorno e buona pasqua a tutti.
Sono un podista in erba di 35 anni. Corro da qualche mese ed ho fatto anche gare sino ad una mezza maratona. Proprio durante la mezza, circa 3 settimane fa, ho dovuto quasi fermarmi dopo un'ora di corsa per un forte dolore al fegato. Lo stesso dolore lo avevo avvertito durante qualche allenamento, soprattutto quelli lunghi o "tirati".
Ieri sono andato a fare l'ecografia e mi hanno trovato una ciste nel rene di sinistra (circa 6cm). Purtroppo non ho ancora il referto.
La cosa strana è che nell'ultimo periodo urino con maggiore frequenza e saltuariamente sento un vago dolore al rene destro (quello senza cisti).
Preciso che da maggio 2007 ad oggi ho perso circa 20 chili, grazie ad'intensa attività sportiva e un'alimentazione più regolare.

Il 20 aprile ho un'altra mezzamaratona e comunque vorrei allenarmi per una maratona. CI sono problemi per il fegato ed il rene? Cosa devo fare?
Premetto che ho fatto anche analisi dell'urine, seangue ed cografia di vescica e prostata senza rilevare alcuna anomalia.

Grazie

[#1]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Egr. paziente , consulti il suo medico curante e quindi uno specialista internista per un esame clinico completo, indipendentemente dal fatto che lei faccia attività sportiva.
Si faccia valutare anche da un nefrologo e poi fatta la diagnosi sia al rene che al fegato,si curi.
Cerchi di fare allenamenti mirati e dosati prima di eseguire una lunga fatica, visto che ha iniziato da poco e quindi in età matura l'attività podistica, affidandosi anche ad un medico dello sport che valuterà se lei è idoneo ad effettuare in atto una gara sportiva o meno o è utile soprassedere.
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#2]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Sono pienamente daccordo con il collega: la sintomatologia che accusa e le "alterazioni" evidenziate devono essere approfondite con l'aiuto dello specialista. Solo una volta risolto il problema renale ed epatico, con diagnosi e eventuale terapia corretta, si potrà rivolgere allo specialista in Medicina dello sport per le indicazioni relative all'allenamento.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#3] dopo  
Utente 618XXX

Egregi dottori, vi riporto l'esito dell'ecografia

Fegato nei limiti per morfologia e dimensioni senza evidenza di lesioni focali .
Non dilatate le vie biliari .
Colecisti alitiasica .
Pancreas visualizzato a livello di testa e corpo esente da alterazioni focali ecograficamente apprezzabili .
Milza di dimensioni nei limiti .
Normale il calibro dell’aorta addominale .
Reni di dimensioni nei limiti con conservazione dello spessore parenchimale .
A dx si apprezza pelvi renale globosa , in sede extra renale , a snx si apprezza formazioni cistica parapielica delle dimensioni massime di cm 6 x 5.3 , cui si associa dilatazione di discreta entità delle cavità caliceali e distensione della pelvi renale.
Vescica distesa , esente da alterazioni endoluminali .
Prostata , esaminata per via soprapubica , di dimensioni nella norma .
Dopo minzione spontanea , scarso il residuo post – minzionale .

Il dottore generico mi ha (ovviamente) prescritto la visita urologica... con tac ed un'analisi del sangue più approfondita. Inoltre è quasi convinto che il dolore al fegato sia il riflesso di uno schiacciamento che ho nella parte lobo-sacrale della spina dorsale...

Purtroppo al momento non posso rivolgermi ad alcun dottore sportivo e quindi vorrei chiedervi se devo proprio fermarmi o se posso semplicemente allenarmi con minore intensità.

Grazie mille

[#4]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Bisogna fare diagnosi di certezzza, ma prima andare almeno a quella di probabilità.
Se è un problema epatico ed addominale si curi con un specialista internista, se è pèroblema renale si faccia seguire da un nefrologoo urologo, come crede il suo medico,
non tralasciando il consulto specialistico ortopedico pe r il dubbio del suo Dottore.
In atto stia a riposo un pò dalla sua nuova attività sportiva amatoriale.
SALUTI
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#5]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Prima pensiamo a risolvere i problemi e poi penseremo allo sport.
Effettui le visite necessarie a chiarire la sintomatologia che accusa.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#6] dopo  
Utente 618XXX

So di essere insistente, ma posso chidere se almeno gli esercizi a corpo libero (flessioni, addominali, lombari, etc.) sono consentiti o se devo rinunciare anche a quelli?

Per la corsa, neanche mezz'ora ogni tanto? Ho raggiunto una buona forma fisica e vi confesso che rinunciare a tutto mi pesa. Non vorrei rimettere su la pancia, ma tantomeno voglio compromettere alcun organo interno!!

Grazie per i consigli.

[#7]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Deve prima terminare gli esami e le visite necessarie. Sarà poi il medico dello sport, dopo l'esame degli accertamenti e la visita, a darle le indicazioni per la ripresa dell'attività fisica.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com