Utente 113XXX
Buongiorno,
ho 31 anni e sono portatore di defibrillatore interno Icd dal dicembre 2007 a seguito di riscontrata sindrome di Brugada con leggera sindrome del qt breve. Vorrei cominciare a ripraticare sport quali il golf che già praticavo e il running. Esistono delle controindicazioni? Premetto che sono mancino e comunque mi è stato installato l'apparecchio sulla parte sinistra del torace. Il cardiologo che mi segue mi ha detto che per il running non sussistono controindicazioni (l'icd è tarato per intervenire oltre una frequenza di 200 battiti), mentre per il golf potrebbero insorgere dei problemi, a causa dell'utlizzo in via preponderante del braccio sinistro (anche se non sollecitato come nel tennis, in quanto l'attivià torsionale del busto a un ruolo importante nello swing). Ringraziando anticipatamente porgo distinti saluti.

[#1]  
Dr. Vincenzo Martino

40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, in linea generale l'impianto del defibrillatore non limita l'attività fisica del soggetto, ma purtroppo, data la sua localizzazione in tasca pettorale sinistra, richiede delle opportune limitazioni in casi di sport che determinino delle brusche e/o continue torsioni del busto o un eccessivo impegno del braccio e della scapolo omerale sinistra; ciò perchè il continuo impegno di tali aree potrebbero a lungo andare determinare la delocalizzazione del dispostivo elettrico con malfunzionamento di quest'ultimo. Per questo motivo sport come canottaggio, pugilato, lancio del peso, sollevamento pesi, tennis, sono altri sport che andrebbero evitati.
Saluti
Dr. Vincenzo MARTINO

[#2] dopo  
Utente 113XXX

Egg. Dr. Martino,

Grazie per la risposta. Insomma quindi dovrei abbandonare il golf... Non dovrei avere problemi per il running, giusto?

RinfraziandoLa per l'attenzione porgo distinti saluti.

[#3]  
Dr. Vincenzo Martino

40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Purtroppo sì. Per il running nessun problema. Saluti
Dr. Vincenzo MARTINO