Utente 443XXX
Buongiorno.
Da qualche settimana soffro ormai di una fastidiosa sensazione tra lo sterno e le scapole, come una specie di senso di oppressione misto a un fastidio simile a un raspino tipico da tracheite. L'ho avuto per diversi giorni, poi è scomparso per un po' (all'incirca una settimana, subito dopo aver concluso un esame spirometrico), poi dopo una notte un po' irrequieta mi sono svegliato di soprassalto e il fastidio è ritornato. Diciamo che non è continuo e costante per tutto l'arco della giornata, si presenta a fasi alterne e di solito accresce di intensità quanto più ci penso.Spesso mi viene da auto indurmi dei colpi di tosse nel tentativo di rimuovere dell'espettorato che però non si presenta. Può essere una forma di stress somatizzato o può effettivamente essere un malessere derivante da una causa fisiologica?

[#1]  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
non è possibile fornire una risposta al suo quesito senza valutarla direttamente.
Del che mi spiace.
Credo tuttavia che se l'auscultazione non fosse clinicamente significativa, si potrebbe prendere in considerazione la possibilità di un reflusso gastro - esogeo prima di parlare di una forma ansiosa.
In tal senso anche un consulto di un ORL potrebbe essere molto dirimente.
Mi faccia sapere se vorrà.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.

[#2] dopo  
Utente 443XXX

nel primo periodo in cui presentai questi sintomi mi sono fatto oscultare dal mio medico di base, che al tempo non riscontrò nulla e mi prescrisse il suddetto esame spirometrico . Anche io ho pensato al reflusso gastro-esofageo, ma in teoria una persona non si rende conto di avere fuoriuscite di succhi gastrici? no perché personalmente non ho ravvisato niente di tutto ciò.

[#3]  
44918

Cancellato nel 2018
Spesso il reflusso non comporta rigurgito. Molto spesso.
Ma inalazione aerosolizzata di acido gastrico che può infiammare le vie respiratorie. Specie la notte in posizione sdraiata.
Si faccia valutare da un ORL.
Se vorrà mi faccia sapere.
Buona serata.
Dott. Caldarola.