Utente 816XXX
buona sera, ho 58 anni 36,5 di contributi inps
vorrei chiedere un vostro parere, mi sono operata nel 08/2008 per quadrante e succesivamente a settembre 2008 per radicalizzazione,per ka mammario infiltrante,G2 her 2 amplif. soffro di ulcere duodenali e gastriche da 25 anni e severa osteopenia per cui ho gia' sospeso 2 volte trattamento con inibitori aromatasi per dolore alle articolazioni. Per Ka ho fatto 4 cicli di chemio AC,che mi hanno provocato flebite chimica al braccio evidenti, radioterapia che mi ha provocato mastite, e 18 trattamenti di Trastuzumab che ho discretamente tollerato, a parte tachicardia e una stanchezza infinita. Premetto che, ad ottobre 2008 mi hanno riconosciuto un'assegno di inabilita' per la durata di 3 anni, invece ad ottobre 2009 sono stata chiamata dall'inps per la revisione ed in quella sede il medico mi ha immediatamente revocato l'assegno dicendo che ero completamente guarita. Premetto che ero ancora in terapia con trastuzumab, ultima infusione fatta il 16/12/2009, le mie condizioni non erano affatto buone
Vorrei chiedervi, se ci sono i presupposti, per fare ricorso, in considerazione anche della mia eta' e degli anni di contribuzione maturati, o se ho i presupposti per chiedere pensione di invalidita' o anzianita'.
Grazie mille .

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Lascio libero spazio ai colleghi di questa area specialistica e intanto Le allego

http://www.senosalvo.com/diritti_donna_operata_al_seno.htm
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 816XXX

La ringrazio molto Dottor Salvo Catania per le informazioni ,aspetto risposta in merito dai suoi colleghi.

[#3] dopo  
Dr. Andrea Mancini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
0% attualità
16% socialità
ANCONA (AN)
CORINALDO (AN)
ALTIDONA (FM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gent. Utente,
faccia ricorso.
Si rivolga ad una struttura di patronato dove potrà avere tutta l'assistenza di cui necessita.
Ripeto, faccia ricorso.
Buona giornata
Andrea dott. Mancini
Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni