Utente 258XXX
Buongiorno,
mi chiamo Claudia, ho 33 anni e, ormai da 12 anni soffro di endometriosi severa di IV stadio.
Per 7 anni sono stata curata per una presunta artrite, ma poi si è capito che i miei dolori dipendevano dall'endometriosi. Ho subito due ICSI per infertilità ed inoltre soffro di insulino-resistenza/sindrome metabolica (prendo 1500 mg di metformina al giorno) a causa della sindrome dell'ovaio policistico.
Ho 3 protusioni e, a seguito di una colecistectomia, soffro di sindrome post colecistectomia.
Vorrei fare domanda per l'invalidità per riuscire ad entrare nelle categorie protette e trovare più facilmente lavoro vicino casa. Per arrivare in ufficio impiego più di un'ora e sto seriamente pensando di lasciare il lavoro perchè, nonostante le cure, i dolori sono insopportabili e la stanchezza insormontabile.
Vorrei sapere se, anche se so che le mie patologie non rientrano in quelle riconosciute, è possibile il raggiungimento della percentuale per la somma delle problematiche.
ringrazio anticipatamente per la risposta
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,

in ambito invalidità civile le Commissioni tengono conto anche delle infermità non specificamente tabellate, valutandole secondo il criterio dell'analogia (in confronto ad infermità tabellate, in ragione della loro natura e gravità), anche se indubbiamente tale criterio comporta una certa discrezionalità nella valutazione.
Il raggiungimento della percentuale che comporta l'inserimento nelle liste per il collocamento mirato è dunque in funzione delle menomazioni anatomo-funzionali complessivamente analizzate.
Peraltro in questa sede non è possibile fornire attendibili stime di quella che sarà la percentuale di invalidità riconosciuta dalla competente Commissione.

https://www.medicitalia.it/mascotti.nicola/news/2178/La-valutazione-percentuale-dell-invalidita-permanente-in-Medicina-Legale

Distinti Saluti.


Nicola Mascotti,M.D.

[Si prega di non richiedere valutazioni o stime del grado di invalidità]