Utente 263XXX
Salve, ho una nonna affetta da cecità monoculare, con l'altro occhio che inizia a perdere vista. Inoltre presenta altri problemi, come scoliosi, osteoporosi, con inizio inoltre di problemi neurologici. Essendo un lavoratore dipendente, vorrei usufruire dei permessi della legge 104/92, con la possibilità, inoltre, di scegliere la sede più vicina alla mia residenza. Essendo mia nonna già parecchio anziana,inizia a non essere più autosufficiente. Secondo le Vostre opinioni ci sono i numeri per ottenere dalla commissione i suddetti benefici?

Grazie a chi risponderà

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

se si tratta cecità ad un occhio solo e non vi sono altre importanti patologie che le impediscano di camminare, lavarsi, vestirsi, eccetera, a parte i comuni acciacchi dell'età, non vi sono i requisiti per il comma 3 dell'articolo 3 della legge 104/92.

Ovviamente, un parere più preciso può essere dato solo visitando direttamente sua nonna.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 263XXX

La ringrazio per la celere risposta. Quindi per avviare la pratica basta andare da un patronato?

Grazie per la disponibilità

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
il patronato potrà consigliarla gratuitamente, facendo visitare sua nonna da un proprio medico-legale
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it