L'area di Medicina non Convenzionale è riservata ai soli perfezionati in tali discipline, quindi non sarà possibile ricevere risposte da altri specialisti. Teoria e pratica delle discipline di Medicina non Convenzionale ad oggi non sono ancora sostenute da sufficiente sperimentazione scientifica e sono disciplinate dal codice di deontologia medica (art. 15)

Utente 130XXX
Sono alla 18a settimana di gravidanza e da un po' si è rimanifestato il reflusso gastroesofageo con tosse insistente e stizzosa che mi tiene sveglia alla notte di cui sporadicamente ho sofferto anche prima della gravidanza.
Prima, dopo visita da specialista lo curavo con peptazol, refalgin e lo spray ialoclean per ammorbidire la gola che pareva in fiamme.
Ora, non potendo prendere il peptzol, la ginecologa mi ha consigliato il maalox e il refalgin o in alternativa il gaviscon.
Io preferirei evitare le medicine come il maalox che contiene alluminio e vorrei tentare con l'omeopatia/omeotossicologia e la dottoressa della farmacia mi ha consigliato NUX VOMICA HOMACCORD, 10 gocce prima dei pasti, e NUX VOMICA HEEL al bisogno in crisi notturne di tosse.
La mia ginecologa non è contraria ma mi ha specificato non essere specialista in medicine non convenzionali pertanto mi è rimasto il dubbio.
Perdonate la domanda da ignorante posso sapere se questi prodotti possono essere usati in gravidanza (visto che contengono oltre a nux vomica anche arsenicum, argentum, antimonium e carbo vegetabilis)?
La posologia va bene? Lo chiedo perchè ho letto anche di chi la nux vomica la prende dopo i pasti e non prima.
Grazie mille!

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
per i farmaci omeopatici complessi citati non ci sono controindicazioni in gravidanza; per quel che riguarda il rapporto con i pasti è preferibile assumerli a distanza (almeno mezz'ora prima o un'ora dopo).
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.