Utente 147XXX
Gentili medici, purtroppo da circa 6-7 anni soffro di una patologia che ha un pò peggiorato la mia qualità di vita. Senza voler troppo drammatizzare, un bel giorno sotto la doccia e dopo una uscita in bicicletta, ho cominciato ad avvisare un forte disturbo allo zigomo destro (sotto l'occhio) come due dita costantemente premute sull'osso. Il fastidio si è esteso intorno all'occhio (oggi porto anche gli occhiali da pc) sulla superfice del cranio, sulle gengive corrispettive al fastidio e alla mandibola. Subito dal neurologo, risonanza magnetica con esito fortunatamente negativo.

Escluso anche il trigemino che ho provato a curare con la dovuta terapia. Si pensava ad un dente curato male, ed ho cambiato dentista che mi ha tolto il dente e rimosso anche un piccolissimo granuloma. Visita anche dall'otorino che mi ha dato aerosol e varie. Poi un giorno sono andato in pronto soccorso perché veramente stavo nel panico e mi hanno dato GABAPENTIN che per circa un mese ho utilizzato ma che ho smesso a 3/4 della cura perché accusavo un forte colpo al cuore ogni volta che lo inghiottivo.

Risultato: dolore assente durante la cura e da allora diminuito, ma sempre persistente oggi. A dicembre, credo per esposizione al freddo mi ha preso un fischio persistente alle orecchie che ho tutt'ora (più "sentito" dall'orecchio destro) aggiunta ad una bronchite curata con fluimucil e antibiotici.

Passata la bronchite, rimasto il fischio. Sono andato dall'otorino chiedendogli se il fischio non potesse essere associato al disturbo che ho da tempo. Fatte prove audiometriche (NEGATIVE) esclusi tappi di cerume. Il suo sospetto è che soffra di CEFALEA FACCIALE ATIPICA. Nel mentre mi ha dato pastiglie di BLUNORM associato ad un protettivo dello stomaco (evitando intanto il cortisone) e consigliato visita specialistica, poiché nel frattempo mi sono concesso anche un reflusso gastrico conseguenza di questo stress assurdo. La condizione odierna è questo stupido cerchio alla testa che persiste da un mese e il fischio alle orecchie continuo (che oggi è il motivo urgente) associato al disturbo che mi porto dietro da tutto questo tempo. Non so se è giusto associarli ma provo a rigirarvi la questione.

Diciamo che devo ormai limitare la mia attività cerebrale ad esempio senza arrabbiarmi troppo o per esempio cantare a "scuarciagola", per non aumentare il fastidio.

Sarei lieto avere un vostro parere. Grazie.

[#1]  
Dr. Massimo Muciaccia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BARLETTA (BT)
MODUGNO (BA)
CONVERSANO (BA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Caro utente,

in effetti potrebbe trattarsi di dolore facciale atipico e/o cefalea tensiva: tali disturbi generalmente rispondono ad una terapia con ansiolitici, antidepressivi ed eventuale psicoterapia. Inoltre la presenza di acufeni impone una accurata valutazione di eventuali disturbi di circolo cerebrale ed altri problemi cocleo-vestibolari e delle vie acustiche.
Richieda una consulenza neurologica.

Cordiali saluti ed auguri.
DOTT. MASSIMO MUCIACCIA
SPECIALISTA IN NEUROLOGIA
ASL BAT - ASL BARI