Malattia demielinizzante?

Gent.le staff di medicitalia volevo un Vs parere sul risultato della risonanza magnetica all'encefalo con mezzo di contrasto. Da premettere che nel 2006 sono stata ricoverata per una neurite ottica retrobulbare sinistra che si è fortunatamente risolta con terapia cortisonica.

Risultato RMN:

Sistema ventricolare di dimensioni normali, senza impronte o spostamenti sulla linea mediana. Normali gli spazi cisternali ed i solchi corticali.
A destra in sede paraipocampale si delimita area di alterato segnale delle dimensioni di 13 mm, caratterizzata da segnale iperintenso nella frequenza Flair; in regione temporale omolaterale, altra area di analoghe caratteristiche di dimensione 10 mm, localizzata a livello dell'uncus, quest'ultima intensificata con mezzo di contrasto.
Nella sostanza bianca periventricolare altri focolai iperintensi di dimensioni piu' piccole, non intensificati dal m.d.c.
L'esame odierno, confrontato con l'indagine RM precedente eseguita il 18.12.2008, non fa piu' rilevare l'area di alterato segnale allora segnalata in regione nucleo-capsulare sinistra, conferma sostanzialmente invariata quella in sede paraipocampale destra e come nuovo elmento documenta focolaio in sede temporale destra a livello dell'uncus (lesione demielinizzante?).

Nella precedente RMN le aree di alterato segnale erano di dimensioni 6 mm e 8 mm.
Nel 2006 hanno effettuato il prelievo del midollo spinale con esito negativo.
I medici che ho sentito hanno escluso la sclerosi multipla ma cosa puo' essere a provocare queste aree demielinizzate??
Ringrazio anticipatamente

cordiali saluti
[#1]
Dr. Vincenzo Sidoti Neurologo 566 16 27
Occorre una valutazione clinica approfondita (visita, potenziali evocati multimodali, eami ematici di screening di eventuali patologie autoimmuni) per inquadrare correttamente il suo problema.

Dott Vincenzo Sidoti

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test