Utente
Buongiorno,
la sera del 27 agosto sono svenuto causa iperventilazione dopo essermi "impressionato" parlando di un argomento che mi ha "fatto senso" e ha scatenato, credo, una sorta di attacco di panico/ansia. E' la seconda volta che svenivo, la prima mi è capitata in circostanze simili a fine 2007 ma poi non avevo avuto altri sintomi come quelli che ho avuto questa volta (parestesia, afasia, etc) che mi è stato detto esser dovuti alla carenza di anidride carbonica nel sangue.

Premetto che ho avuto anche una serie di altri disturbi che alla fine son più o meno tutti conducibili ad ansia / stress. Per sicurezza però il medico mi ha fatto effettuare anche una TAC encefalo (senza contrasto) ed il risultato è il seguente:

Non stravaso emorragico endocranico; centimetrica areola ipodensa (esito o spazio liquorale leggermente e focalmente ectasico) si localizza in sede immediatamente sottotentoriale laterale all'emisfero cerebellare sn. Il complesso ventricolare-cisternale è in asse, regolare per morfologia ed ampiezza. Regolari gli spazi subaracnoidei periencefalici.


Potreste dirmi se l'"areola ipodensa" potrebbe esser qualcosa di preoccupante e/o ricollegabile/causata dallo svenimento che ho avuto di recente?

Qualche giorno fa poi ho avuto un altro episodio simile, ma senza svenimento, solo una sensazione di stomaco che si chiude, mancanza d'aria, giramenti di testa e vista che si oscura un po' etc. che mi han detto poteva quasi sembrare una crisi vagale se non fosse che la pressione poi era ottima (e quindi sembrava più qualcosa tipo "attacco di panico").

Grazie.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

dalla lettura del referto e dall'interpretazione del neuroradiologo non sembra nulla di grave ma Le dico questo senza avere visionato le lastre. In base all'inertpretazione dell'areola ipodensa escluderei che possa essere correlata agli episodi descritti. Le consiglio di fare visionare l'esame ad un neurologo e di effettuare una visita neurologica per una valutazione clinica del Suo problema.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta,
prossimamente effettuerò una visita neurologica ed eventualmente vi aggiornerò su quanto comunicatomi dal neurologo.

Saluti.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ok, volentieri.

Buonanotte
Dr. Antonio Ferraloro