Utente 227XXX
Buongiorno Dott.
sono un ragazzo di 26 anni con una storia di ansia e depressione alle spalle. Anni fa il nurologo, dopo visita neurologica e RMN negativa (solo piccola cisto liquorale sulla ghiandola pineale)mi curò mediante ansiolitici ed antidepressivi. Da alcuni giorni soffro di un problema all'orecchio pper cui quando deglutisco e sbadiglio sento dei crepitii interni all'orecchio, insieme ad una sorta di ovattamento generale.
Siccome mi si sono contemoraneamente ripresentati alcuni dei sintomi delle crisi ansiose di alcuni anni fa (brividi di freddo, depersonalizzazione, astenia ecc), crede che i problemi orecchio/ansia siano correlabili tra di loro oppure devo preoccuparmi che possa trattarsi di qualcosa di ben più grave come un tumore cerebrale?? In questi ultimi giorni sono ossessionato da questi pensieri e non riesco a lavorare e a svolgere una vita normale.
In attesa di una sua cordiale risposta le porgo cordiali saluti

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

non pensi a tumori al cervello. Le cause del Suo disturbo possono essere molto più banali come un'otite catarrale o un problema dell'articolazione temporo-mandibolare. Queste sono solo due ipotesi, per un parere più corretto si rivolga al Suo medico curante. Considerata poi la ripresa della sintomatologia ossesiva o ansiosa, sarebbe opportuno che si rivolgesse ad uno psichiatra per avere una diagnosi corretta ed una terapia adeguata.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 227XXX

Grazie Dott. per la celere risposta, mi ero dimenticato di aggiungere che appena ieri l'otorino ha detto che potrebbe trattarsi di una tubarite con lieve versamento catarrale ma siccome si sono associati altri sintomi quali vertigini, ansia ecc (forse proprio dovuti al problema tubarico) ho scritto in questa sezione! Grazie ancora,

Cordialità

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Quindi è stata confermata la mia ipotesi.
Stia sereno.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 227XXX

Gent.le Dott, gli altri sintomi come confusione mentale, rigidità muscolare, paura nel parlare per il timore di sbagliare, fascicolazioni, sbandamenti, calo della libido, ossono essere direttamente riconducibili alla mia ansia?

Cordialità

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

in generale sì, nel Suo caso particolare, a distanza, non è possibile stabilirlo.
Dr. Antonio Ferraloro