Utente 146XXX
Il mio ragazzo ieri appena avuto l'orgasmo mi ha detto che stava per svenire, non ho fatto in tempo a sorreggerlo ed è caduto a terra, con gli occhi sbarrati, aveva le mani in una posizione strana e diceva cose sconnesse, passatemi l'onomatopea "gnegnegne" e si mordeva la lingua, e tremava leggermente. Non sapendo cosa fare lo chiamavo e dopo averlo schiaffeggiato due volte si è ripreso, dicendo "sono svenuto", quindi sapeva quello che è successo. Dopo essersi alzato non ha avuto più nulla, nè vomito o mal di testa.

Lui dice che mentre era a terra, era cosciente di essere a terra, ma il tutto sembrava un sogno e si chiedeva il motivo per cui facesse quei versi e si mordesse la lingua. Cosa può essere stato?

Sottolineo che la notte prima avevamo dormito due ore essendo la notte di capodanno e quando abbiamo avuto il rapporto avevamo pranzato da un'ora e mezza, con cotechino e lenticchie e ravioli con formaggio di primo.

Lui mi ha detto di aver avuto uno svenimento dieci anni fa mentre minzionava di notte al bagno, ma dopo quell'episodio non è più successo, escluso ieri.

Inoltre, penso sia un particolare importante, quando abbiamo rapporti, lui verso la fine iperventola molto e più di una volta mi ha detto che si sentiva girare la testa.

Grazie delle risposte.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

una possibile ipotesi potrebbe essere una sincope da iperventilazione o da stress emotivo (sincope post-esercizio?).
L'episodio accaduto dieci anni fa, potrebbe essere assimilato ad una sincope situazionale, infatti di questi casi ne sono descritti numerosi in soggetti giovani e di sesso maschile, soprattutto durante la minzione, al risveglio.
In ogni caso queste sono soltanto delle ipotesi a distanza. Il Suo ragazzo dovrebbe rivolgersi al medico curante ed effettuare degli esami diagnostici, come l'ECG e ecocardio, e visita cardiologica.
Poi in base all'esito si deciderà se e come procedere.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro