Seropram limitare effetti collaterali

Buongiorno. 3 anni fa causa stress avevo effettuato una cura con pasaden e seropram, terminata dopo un anno con ottimi risultati e la sospensione difinitiva di ogni medicinale. Ora, dopo 3 anni, a causa di un periodo di stress causato da una brutta frattura alla caviglia, mi sono tornati i sintomi dello stress e ansia (mal di testa, dissenteria, nodo in gola ecc..) ed il neurologo mi ha prescritto praticamente la stessa cura, anche se voleva darmi il ciplalex invece del seropram dicendo che era più innovativo. Navigando su internet ho visto che diverse persone hanno accusato più disturbi con il Cipralex e quindi ho a lui comunicato al neurologo di preferire riprendere il seropram.
Premessa: Fatto salvo che il dottore mi ha prescritto 10 gocce di cipralex al giorno, quando telefonicamente gli ho detto che preferivo prendere seropram, mi ha comunicato che allora dovevo arrivare a prendere 20 gocce di seropram. i miei quesiti a questo punto sono due:
1) Ho visto che la dose abituale del cipralex sono 10 mg cioè 10 gocce (che la dose a me prescritta) e poi si aumenta se fosse fino ad un max di 20 gocce. Invece sul SEROPRAM gocce 40 mg è indicato Per la prima settimana di trattamento la dose raccomandata è di 8 mg (4 gocce), successivamente la dose viene aumentata a 16 mg (8 gocce) al giorno. Sulla base della risposta individuale del paziente, la dose può essere aumentata fino ad un massimo di 32 mg (16 gocce) al giorno. Quindi, se faccio due più due 20 gocce di seropram nel mio caso non sono corrette, giusto? Anche perchè il bugiardino parla di un max 16 gocce!!

2) Per arrivare a 4 gocce nella prima settimana come bisogna procedere (es 1 goccia in più ogni 2 gg) per evitare al massimo gli effetti collaterali?

Grazie per il distrurbo.
Cordialmente.

[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 68,2k 2,1k 23
Gentile Utente,

on line non è possibile consigliare farmaci o loro dosaggi.
Per questo dovrebbe chiedere al neurologo che ha prescritto il farmaco.
Per quanto riguarda gli effetti collaterali, questi sono molto individuali e non prevedibili all'inizio della terapia, anche se nel Suo caso in parte potrebbe essere possibile in quanto ha già assunto per un anno il farmaco.
Sulle modalità d'incremento della dose contatti lo specialista prescrittore.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test