Utente 207XXX
Buongiorno,
scrivo questo consulto per avere un'idea di come muovermi.
Da circa due settimane avverto dolori alle gambe, le sento doloranti e pesanti. All'inizio non ci ho fatto caso nè dato peso, poi vedendo che il dolore non si placava mi sono rivolta al mio medico di base.
Che mi ha diagnosticato un'infiammazione tendineo muscolare da curare con antinfiammatorio.
Dopo un paio di giorni ho cominciato a sentire nelle gambe anche punture di spilli diffusi e parestesie specie ai piedi che vanno e vengono nell'arco della giornata. Sono tornata dal medico che mi ha confermato la stessa diagnosi, prescrivendomi una risonanza sia al tratto lombosacrale sia al tratto encefalico ma solo per tranquillizzarmi.
Ho prenotato questi esami per il 17/06. Nel frattempo però ho come l'impressione che la sintomatologia si stia acutizzando e coinvolga anche altre parti del corpo come braccia o viso. Sono sempre fenomeni che vanno e vengono, un giorno sembra che siano al lato dx il giorno dopo a quello sinistro.
Potrebbe trattarsi di somatizzazione ansiosa?
Io ho sofferto in passato di crisi ansiose che ho curato ma che pare si stiano ripresentando.
Devo consultare un neurologo?Ormai sono spaventatissima che possa insorgere una grave patologia e questo pensiero mi condiziona la vita in negativo.
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l'ipotesi dell'origine ansiosa del problema è certamente possibile, corretta mi sembra la prescrizione da parte del medico curante della RM. La effettui serenamente e, se la sintomatologia dovesse persistere, contatti un neurologo anche per fare visionare le immagini dell'esame e per una valutazione clinica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 207XXX

La ringrazio, razionalmente è quello che mi sono detta di fare. E che farò.
d'altra parte sono sicura che ora del 17 la mia condizione ansiosa andrà peggiorando con l'ansia di sapere a quale "terribile" malattia io possa andare incontro.

Crede che questi sintomi siano preoccupanti?

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

i formicolii sporadici e migranti generalmente non fanno pensare a malattie importanti. Si tranquillizzi.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 207XXX

La ringrazio, purtroppo come lei immagina un ansioso non fa altro che cercare rassicurazioni.
Buona giornata.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

le rassicurazioni in questi casi durano poco, poi se ne vorrebbero avere delle altre iniziando un circolo vizioso che può portare ad accentuazione del problema.
Pertanto, una volta confermata la diagnosi di un disturbo d'ansia, sarebbe opportuno rivolgersi a specialisti del settore, psichiatri o psicologi per affrontare il caso.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 207XXX

Buongiorno dottore,

volevo aggiornarla in merito. Ho ritirato ieri la risonanza.

Il referto recita:
Non si riconoscono significative alterazioni dell'intensità del segnale a provenienza del tessuto encefalico a sede sovra tentoriale. Nel tratto di passaggio mesencefalico di dx si evidenzia minuta area lacunare di circa 4mm.
Regolari il corpo calloso, il tronco encefalico e la giunzione bulbo spinale.
Complesso ventricolare in asse, nei limiti volumetrici in rapporto all'età.
Sostanzialmente regolari gli spazi liquorali cisternali della base ed i solchi della convessità. La valutazione angio RM ha messo in evidenza ipoplasia del tratto iniziale dell'arteria cerebrale posteriore P1. Bene sviluppata l'arteria comuincante posteriore omolaterale. Buona visualizzazione del circolo verterbro basilare e di quello carotideo d'ambo i lati. Regolari le rimanenti branche di diramazioni intra craniche.
Non sicure immagini da riferirsi a malformazioni vascolari.

La RM del rachide lombosacrale non ha messo in evidenza nulla.

Ora i due passaggi che mi preoccupano sono questi:
Nel tratto di passaggio mesencefalico di dx si evidenzia minuta area lacunare di circa 4mm
ipoplasia del tratto iniziale dell'arteria cerebrale posteriore P1

Il mio medico di base sostiene che siano malformazioni congenite che ho dalla nascita e che non destano preoccpazioni. In ogni caso mi ha prescritto una visita neurologica.
Io da buona ansiosa penso già al peggio!Può trattarsi di un angioma?Il fatto che da qualche giorno avverta dolore e bruciore all'occhio sinistro può essere attinente?

Voglio precisare che ad oggi avendo rivisto la mia psichiatra e ricominicato la terapia parestesie, punture di spilli e buona parte dei dolori muscolari sono scomparsi o diminuiti.

Grazie ancora.

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

si tranquillizzi perché non c'è motivo di pensare al peggio.

<<ipoplasia del tratto iniziale dell'arteria cerebrale posteriore P1>> è congenita e non viene considerata patologica.

<<Nel tratto di passaggio mesencefalico di dx si evidenzia minuta area lacunare di circa 4mm>> l'area lacunare è di origine vascolare (nessuna malformazione), faccia vedere l'esame al neurologo e stia tranquilla.
Il problema all'occhio non ha attinenza con i riscontri della RM.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 207XXX

la ringrazio, il fatto che sia di origine vascolare può espormi al rischio di ictus o aneurismi?

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

aneurismi certamente no, almeno per quanto riguarda l'alterazione lacunare.
Per quanto riguarda ischemie cerebrali non è possibile darLe una risposta precisa, deve tenere sotto controllo pressione arteriosa, glicemia, colesterolo e trigliceridi.
Faccia pure attività fisica costante.
Ne parli tranquillamente col neurologo ma stia serena.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 207XXX

La ringrazio,

prenoterò la visita neurologica per capire meglio.

Buona giornata.

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Buona giornata anche a Lei.
Dr. Antonio Ferraloro