Ictus parte sinistra del cervello

mia madre 80 anni cardiopatica, operata nel 2000 by-pass causa fibrillazione ha avuto una lesione vasta alla parte sinistra, problemi al linguaggio, deglutizione, la paziente reagisce, dimostra di esprimere affetto per i suoi cari, ma alla vista diventa irrequieta, cerca di farsi capire ma si dispera come un'incompresa, ha avuto problemi respiratori piano piano rientrati, in quest' ultime ore stanno controllando ancora attacchi di fibrillazione, la vedo dura, che probabilità ha di recuperare il linguaggio (comunicazione minima almeno)?)
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Gentile Utente,

un eventuale anche parziale recupero dipende da tante variabili, prima fra tutte l'entità del danno a livello del centro del linguaggio e delle sue vie fino ad arrivare alla risposta alla riabilitazione logopedica, pertanto non si può formulare una prognosi che possa avere criteri concreti di attendibilità.
Solo il tempo darà una risposta a questa domanda.
Le invio sinceri auguri.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio dottore per la risposta
Un ultima domanda: la paziente, ha cercato di farmi capire, mostrandomi con la mano, le labbra secche e la lingua, si denota quindi una sofferenza dovuta alla mancanza di acqua a causa dell'ossigenazione. Esiste un metodo per eliminare questo inconveniente, visto che in reparto sono stati felici di sapere che i famigliari avevano portato con se una crema ( daktarin ) possibile che in un reparto come lo stroke unit non riescono a risolvere questi problemi secondari?
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Se fosse solo un problema di disidratazione andrebbe trattato mediante idratazione endovenosa tramite flebo, in presenza invece di altre problematiche andrebbero prima individuate queste e conseguentemente trattate. In assenza di una diagnosi non è possibile consigliare un trattamento.

Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie Dottore!
[#5]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Di nulla!
Un grosso in bocca al lupo!
[#6]
dopo
Utente
Utente
Nella prima domanda era relativa al linguaggio per quanto riguarda la mobilità degli arti sinistri, nonostante la parte compromessa dell'ischemia che possibilità ci sono, anche minime di ripresa?
[#7]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Le posso dare la stessa risposta relativa al linguaggio cambiando il termine "riabilitazione logopedica" con "riabilitazione neuromotoria", purtroppo non è possibile prevedere il decorso e le possibilità di un eventuale recupero.

Cordialità
[#8]
dopo
Utente
Utente
Oggi mia madre ha rifiutato il cibo, era giù di tono, è cosciente di quello che rimane del suo corpo, infatti i dottori hanno pensato di somministrare qualche farmaco antidepressivo, è una donna forte e spero che Dio l'aiuti ha superare anche questo dolore, ho saputo casualmente che i farmaci che stanno somministrando aumentano la glicemia, Cortisoni e farmaci con alti concentrazioni di glucosio, spero che questo non li causi il diabete, io lo conosco molto bene.
[#9]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Se la somministrazione dei farmaci in questione non sarà molto prolungata potrebbe esserci al massimo solo un rialzo glicemico transitorio.

Cordiali saluti
[#10]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore, almeno il diabete siamo sicuri di tenerlo lontano
[#11]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Generalmente una terapia di questo tipo se somministrata per periodi non molto prolungati non causa diabete.
[#12]
dopo
Utente
Utente
dottore da almeno tre giorni stanno somministrando dei farmaci antidepressivi, mia madre appare assente, mentre prima ci seguiva con gli occhi e cercava di esprimersi adesso fa fatica addirittura ad alzare gli occhi, mangia pochissimo, qualche mezzo omogenizzato, appare stanchissima, poi per alcuni tratti è come se si attivasse e naturalmente ci fa felici perchè ritorna ad essere cosciente, ho chiesto al neurologo se questa dose di farmaci sedativi può causare questo, lui mi ha assicurato, che questo trattamento è minimo e si protrerrà per non più di una settimana, ha giustificato la somministrazione perchè la paziente cosciente del danno ha momenti di crisi e pianto di conseguenza, Sono preoccupato, nonostante ho notato che la guancia destra ha ripreso forma normale, sono stato sempre contrario a questo tipo di farmaco, Non potrebbe rallentare la ripresa? Poi possibile che per stimolare il linguaggio gli arti bisogna aspettare le dimissioni? il logopedista di turno è in gravidanza e quindi non può operare possibile?
[#13]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,2k 2k 23
Non conoscendo il farmaco né il Suo dosaggio non è possibile dare un parere in merito alla prima domanda.
Non so se l'ospedale in questione ha la possibilità di praticare la riabilitazione motoria e logopedica, forse è questo il motivo per cui hanno rimandato tutto a dopo la dimissione.

Cordialmente

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa