Utente 322XXX
Salve Dottori,

vi scrivo in merito a una situazione che non riesco a risolvere da mesi.
Premetto che ho aperto un altro consulto in precedenza ma per problemi
digestivi legati a reflusso gastrofageo, limitati da assunzione di pariet 20.
A Aprile 2014 ho subito un lieve trauma cranico sbattendo abbastanza forte la tempia sinistra
contro una vetrata. Sono andato in pronto soccorso, ho effettuato TAC encefalo negativa e
mi hanno dato un collare ortopedico e raccomandazione di farsi visitare da un ortopedico.
Da quel giorno la maggior parte dei miei giorni è presente un sintomo molto fastidioso, un senso
di tensione (non dolore a parte qualche fitta) che dalla parte sinistra del collo, arriva fino a dietro l'occhio sinistro (sembra tempia).
Saltuariamente il dolore scompare, ma arrivano o i classici sintomi della cervicale (nausea, senso
di instabilità) oppure i classici sintomi digestivi del reflusso (dolore stomaco).
A volte la tensione al muscolo è cosi' forte che sento un fastidio anche alla deglutizione.
Ho effettuato una radiografia colonna completa che ha evidenziato rettilizzazione del rachide cervicale, ipercifosi dorsale, lordosi lombare.
Ho effettuato una visita ortopedica, mi hanno consigliato un osteopata per sistemare la postura, ma dopo 5 sedute non c'è stato miglioramento.
Ho effettuato una visita neurologica, secondo il neurologo, dopo i testi effettuati, non c'è nessun problema neurologico, mi ha prescritto rivotril 2gocce mattina e 4 la sera
Premetto che di notte non ho mai avuto problemi, l'assunzione di rivotril mi aiuta ma non risolve il problema alla radice.
In precedenza avevo fatto un ciclo di "Expose" e "muscoril" ma il fastidio è rimasto...
Sono andato da un fisiatra recentemente, dopo una visita di 10 secondi ha evidenziato una contrattura muscolare sx al livello del rachide
cervicale. Mi ha consigliato
- massoterapia
- ginnastica posturale
Ho effettuato 2 sedute dal fisioterapista, ha effettuato anche un massaggio cranio-scrale, i giorni
successivi sono stato peggio di prima tant'è che sembrava che avessi nuovamente sbatutto la testa (si è riacutizzato il dolore
che sentivo alla tempia sinistra che non avevo piu' cosi forte). Dopo 3 giorni il dolore alla tempia è diminuito ma è ritornato il solito fastidio
e successivamente ancora nausea/leggeri sbandamenti.
Domani ho un altra seduta di fisioterapia, e venerdi' inizio pancafit.
E' possibile che un colpo di frusta causi tutti questi sintomi, e col tempo e fisioterapia per ora non sia cambiato niente? Lavoro come sistemista informatico
e sto spesso davanti a computer, ma prima del colpo di frusta non avevo mai avuto problemi di questo tipo anche se la postura
non è mai stata proprio corretta

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

teoricamente è possibile che l'iniziale trauma in regione cervicale abbia potuto rappresentare un fattore scatenante la sintomatologia riferita in un soggetto già probabilmente predisposto a causa della postura prolungata e/o poco corretta.
Ritengo che col tempo i vari disturbi potrebbero regredire.
Se ciò non dovesse accadere sarebbe indicato un secondo parere fisiatrico.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 322XXX

grazie dottore, vedrò con le sedute di pancafit se i sintomi regrediscono.
Volevo chiederle se é normale che un massaggio cranio sacrale, in particolare stimolando la zona dove ho sbattuto la testa (tempia sx) può risvegliare il dolore che avevo i primi giorni del trauma(aprile).
Inoltre la tac é stata effettuata 6 ore dopo dal trauma era sufficiente?
Ora sono passati 5 mesi e la tensione che parte da sinistra sembra presentarsi quando rimango concentrato in posizione fissa (es.guardare la tele o pc)

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Una riacutizzazione del dolore in seguito a massaggi è possibile, specialmente le prime volte. La TC è stata effettuata nei tempi giusti, ovviamente per valutare eventuali problematiche acute temibili, per es. un'emorragia.
La tensione che riferisce potrebbe essere dovuta a cause posturali.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 322XXX

In accordo con il fisioterapista, abbiamo deciso di aspettare due settimane per il terzo trattamento, e intanto effettuerò ginnastica posturale. Anche lui mi disse che può essere normale la riacutizzazione del dolore, e se succede, di aspettare piu' tempo da un trattamento all'altro in modo da far abituare il corpo alla "guarigione"
Spero che con la ginnastica la tensione diminuisca.

Grazie mille comunque della disponibilità, le farò sapere piu' avanti.
Saluti

[#5] dopo  
Utente 322XXX

Salve Dottore,

il fastidio al collo (prevalentemente), e ogni tanto alla tempia sinistra, continuava a non passare. Le volte che ci sono episodi acuti sono costretto a prendere qualche goccia di Rivotril (ne bastano 10)
Ho effettuato per scrupolo la risonanza magnetica che devo far ancora vedere al medico in questi giorni :

Questo il referto :

manifestazioni spondilosiche con irregolarità margino-somatiche piu' evidenti in corrispondenza di C5-C6

note degenerative a carico dei dischi intersomatici nei distretti compresi fra c3 e c6

in corrispondenza di c4-c5 è lievemente ridotta d'ampienza l'origine dei forami di coniugazione, maggiormente a sinistra.

Non significative immagini riferibili ad ernie discali

non evidenti alterazioni di segnale in sede midollare


Mi sa dare qualche consiglio in merito? devo andare da un fisiatra?
grazie

[#6] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
In base ai reperti riscontrati, la visita fisiatrica mi sembra possa risultare utile ai fini di una corretta valutazione diagnostica ed adeguata terapia.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#7] dopo  
Utente 322XXX

ok, ma non ho capito il referto, c'è qualcosa di grave?

cosa vuol dire "in corrispondenza di c4-c5 è lievemente ridotta d'ampiezza l'origine dei forami di coniugazione, maggiormente a sinistra."

grazie ancora

[#8] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Tra la 4° e la 5° vertebra cervicale l'ingresso dei forami di coniugazione (dove decorrono le radici del nervo) è ridotto a causa verosimilmente di alterazioni del disco intervertebrale.
Non si tratta di situazioni gravi, però leggermente fastidiose.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#9] dopo  
Utente 322XXX

Salve Dottore,

grazie per le risposte, la terapia consigliata è stata fisioterapia e trazioni (ma quest'ultime me l'ha sconsigliate il fisioterapista stesso) e inizio ginnastica posturale

volevo chiederle, è possibile che alcuni sintomi neurologici (es. tensione, leggeri sbandamenti, fitte tempia), possano dipendere da qualche problema alla carotide sinistra?
Me ne aveva parlato un fisioterapista

Grazie

[#10] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Mi sembra improbabile questa ipotesi, comunque può fare l'ecodoppler dei vasi epiaortici.
Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente 322XXX

ma sarebbe solo per placare un eventuale mia ansia?
non vorrei fare esami inutili
può un trauma cervicale dare problemi del genere e causare a distanza di un anno questi sintomi, e avere come causa principale un eventuale problema alle carotidi?
Dall'esame obiettivo neurologico sarebbe emerso qualcosa?

[#12] dopo  
Utente 322XXX

trauma cranico (non cervicale)

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Con tutti i limiti del consulto a distanza mi sembra, come Le dicevo prima, poco probabile questa ipotesi.
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente 322XXX

Salve dottore ,

per scrupolo ho fatto anche questo esame ed è risultato tutto negativo.
Il problema del fastidio alla tempia con riflesso fastidio al collo a sinistra continuo ad averlo. Ogni volta per farlo passare devo prendere 10 gocce di rivotril, tant'è che adesso sto cercando di smettere in quanto mi sta dando dipendenza (sto cercando di scalare 1-2 gocce a settimana). Il dottore tra l'altro mi ha consigliato di sostituirlo con Flexiban, ma ho visto che è una ciclobenzaprina...

Inoltre sono stato da un osteopata ieri, e mi ha trattato la bocca dicendo non ho le arcate allineate e questo comporterebbe uno sforzo maggiore sulla parte sinistra, in piu' mi ha effettuato un trattamento sull'osso sfenoide.
Dopo questo trattamento ad oggi mi si è riacutizzato il problema alla tempia sinistra. ( mi ha toccato anche dietro la testa, sulla tempie esercitava una leggera pressione, credo che sia una specie di massaggio cranio-sacrale)
Mi ha detto che può essere normale in quanto è proprio perchè ho un problema che il giorno seguenti ho questi sintomi, ma la cosa che mi lascia nel dubbio è che ogni volta che viene in qualche modo toccata la tempia sinistra, il giorno dopo ho una riacutizzazione del problema come se avessi ripreso la botta ieri stesso.
Eppure ho effettuato 2 Tac e non ci sono problemi, risonanza magnetica ma solo cervicale, anche se forse dalle immagine credo si dovrebbe intravedere qualcosa....
non so piu' cosa fare..mi sembra di fare esami a vuoto per un problema magari che non ho ancora trovato...

[#15] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ha fatto una visita gnatologica considerato il "non allineamento" delle arcate dentarie?
Qualora non l'avesse effettuata potrebbe essere un'opzione utile.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente 322XXX

Salve Dottore,

sono stato da un primo dentista sotto consiglio del medico, e a parte il dover curare due carie, ha confermato il disallineamento delle arcate (tra l'altro evidente, quando apro la bocca sono allineate, ma quando la chiudo i denti dell'arcata inferiore si spostano verso sinistra) , tra l'altro la stessa parte che mi provoca poi i fastidi al collo/tempia.

In ogni caso ho subito prenotato una visita per giovedi' con un dentista anche gnatologo, in quanto questo dentista mi ha subito preso le impronte per un bite notturno e per lui non c'è modo di sistemare la malocclusione in quanto ormai ho 29 anni e ci dovevo pensare prima. Tra l'altro il bite me lo farebbe portare solo di notte ma ho letto in giro che in questi casi non serve niente a meno di problemi di bruxismo.
Sentirò quindi il secondo parere, ma qual'è in genere la soluzione per questi casi? non è piu' possibile allineare l'arcata inferiore dei denti?
Avendo già avuto questo disallineamento prima del trauma, perchè solo adesso ho tale sintomatologia???

Intanto l'unico modo per non "soffire" sono le solite 12 gocce di rivotril (che se non sbaglio è una dose "leggera") e creme antidolorifiche.

Saluti e Grazie



[#17] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

Le consiglio di postare queste domande nella sezione "Gnatologia clinica" di questo sito dove i colleghi esperti del settore Le possono dare risposte più precise.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#18] dopo  
Utente 322XXX

salve dottore, a un anno e 3 Mesi dal trauma cranico i sintomi persistono: mal di testa tipo nevralgia a sinistra della testa e ripercussione sul collo sempre a sinistra. Potrebbero essere sintomi di un edema subdurale cronico? Come spiegato i sintomi diminuiscono solo con assunzione di 10-12 gocce di rivotril. Se non le prendo inizio a sentirmi la testa pesante in quel lato e instabilità. Ho messo il bite(notturno) ma la situazione non é migliorata. Sto anche facendo cicli di ionoforesi laserterapia e ginnastica posturale ma puntualmente ogni giorno il sintomo ritorna penso dopo che l effetto del rivotril svanisce . Ho effettuato vari esami non so più che fare, devo ritornare da un neurologo? dalla risonanza al rachide vedo che comunque si vede la testa, si potrebbe intravedere la causa del problema? Ho già effettuato anche la tac il giorno del trauma senza problemi, ma a questo punto non sarebbe necessaria una risonanza all encefalo?

[#19] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

considerato che la sintomatologia regredisce dopo assunzione di rivotril si possono escludere problemi importanti.
Ne ha parlato con lo gnatologo per un controllo del bite? Che io sappia questo va portato non solo la notte ma anche di giorno.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#20] dopo  
Utente 322XXX

Dottore sto cercando di portare anche di giorno il bite ma i sintomi regrediscono sempre e solo con l'assunzione di rivotril.
Ho notato che facendo movimento (es. nuoto) i sintomi ritardano, ma alla fine magari invece che dopo 24 ore, sono costretto a prendere il farmaco dopo 30 ore..
L'assunzione di rivotril (oltre 6 mesi, 12 gocce al giorno 2,5mg ) puo' essere dannosa?
E' possibile mandarle in qualche modo la risonanza magnetica e la radiografia alla colonna?
L'ultimo fisiatra che mi ha prescritto le varie sedute di ionoforesi, laserterapia, ginnastica posturale, ha guardato solo il foglio della risonanza, senza andare ad approfondire le immagini...

Grazie mille e Saluti


[#21] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è ovvio che terapie prolungate con benzdiazepine, nel Suo caso rivotril, sarebbe opportuno evitarle se possibile.
È vietato dalle linee guida del sito inviare immagini diagnostiche.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#22] dopo  
Utente 322XXX

Salve dottore,

Ogni giorno già dai primi minuti in cui mi sveglio, a volte dopo 1-2 ore, il muscolo sternomastocloideo é sempre teso, causando tensione e leggero mal di testa. Guardando allo specchio La tensione del muscolo mi porta leggermente il capo come traslato verso destra. Può essere questo un sintomo di distonia cervicale? Premetto che non ho movimenti involontari del capo.
Assumendo le 6-7 gocce di rivotril il muscolo si rilassa e la situazione torna quasi normale

[#23] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

più che una distonia vera e propria sembrerebbe una contrattura muscolare, sempre con i famosi limiti del consulto on line, cioè senza una valutazione diretta.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#24] dopo  
Utente 322XXX

Ma una contrattura muscolare può diventare cronica?
La distonia può essere causata da un trauma cranico e non avere fra i sintomi i movimenti spasmodici, quindi una specie di distonia atipica?

[#25] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

sì, questo è possibile, cioè una distonia post-traumatica senza movimenti involontari. Tra le possibili terapie è oggi spesso utilizzata, soprattutto in queste forme focali, circoscritte cioè solo ad una parte del corpo, la tossina botulinica.
Lei risponde molto bene al rivotril, infatti scrive <<Assumendo le 6-7 gocce di rivotril il muscolo si rilassa e la situazione torna quasi normale>>.

Cordialità

Dr. Antonio Ferraloro

[#26] dopo  
Utente 322XXX

Ma se dipendesse da quello la situazione può peggiorare? Sono 2 anni ormai che ho la stessa sintomatologia

[#27] dopo  
Utente 322XXX

La cosa di cui ho paura è la possibilità che peggiori con movimenti involontari

[#28] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non è possibile prevedere il decorso.
Potrebbe rivolgersi ad un centro specializzato che studia e tratta questa tipologia di disturbi, in generale le distonie.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#29] dopo  
Utente 322XXX

Grazie, per poter arrivare a una diagnosi a chi mi dovrei rivolgere?

[#30] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
A Milano non mancano certamente i centri che trattano questo tipo di patologie.

Le invio un link dove sono riportati i maggiori centri italiani.

http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=1&cad=rja&uact=8&ved=0ahUKEwiG3P-v6LHKAhXHCiwKHWxZDNQQFggcMAA&url=http%3A%2F%2Fwww.distonia.it%2Fcentri_a.html&usg=AFQjCNEjF8lFM6v4m5UkciI8gg-BFeaZNQ

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#31] dopo  
Utente 322XXX

Salve Dottore,

scusi ancora il disturbo.
Purtroppo Sabato, non stando attento, ho picchiato la tempia sinistra (sempre lo stesso punto dove presi la botta in testa), su una plastica rigida trasparente. Della botta mi è rimasto un leggero livido, un leggero mal di testa sulla zona interessata e fastidio all'occhio sinistro (stessi sintomi di quando presi la botta in testa la prima volta).
Se premo il muscolo occipitale dietro la nuca, sento dolore (ma questo problema l'avevo anche prima).
La cosa strana è che in passato i sintomi si sono accentuati sia trattando la tempia sinistra (es. massaggio cranio sacrale), che con la botta in testa che ho preso.
Specifico che ora sono passati 4 giorni, ho avuto mal di testa, sono passato dal medico in orario non di turno e mi ha liquidato senza una visita specifica dicendo che dipende sempre da cervicalgia. Gli ho parlato anche di "distonia" ma mi stava quasi mandando a quel paese....
I sintomi in 4 giorni sono rimasti gli stessi, vorrei sapere innanzitutto se è il caso di fare una tac (ma non vorrei farla solo per sentirmi tranquillo, ma solo se strettamente necessario), e se una stimolazione/colpo su una zona colpita in precedenza può come mi è successo accentuare i sintomi che ho di solito, oppure il contraccolpo può aver influito sempre sul muscolo infiammato?
Per chiarire il mio dubbio è non è che dalla tempia i problemi si riversano sul collo e non viceversa?
Specifico inoltre che per domani avevo già prenotato una visita fisiatrica, nel caso conviene che aspetto anche un suo parere (un fisiatra effettua anche un indagine "neurologica" ? )

grazie mille


[#32] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

occorre una valutazione diretta per rispondere alle Sue domande ,
l'ultimo trauma potrebbe anche non causare esiti a lungo termine.
Domani ha la visita fisiatrica, approfitti e si faccia visitare accuratamente, considerato che il medico curante non Le ha potuto dedicare il tempo necessario alla visita.
Il fisiatra è certamente in grado di fare una corretta valutazione clinica.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#33] dopo  
Utente 322XXX

ok, per quanto riguarda il mal di testa e leggera instabilità (che comunque ho quando ho i sintomi di "cervicalgia") dopo un trauma è normale?
sono passati 4 giorni, prendendo sempre le 6 gocce di rivotril (verso le 13:00) si attenua per tutto il pomeriggio, per poi ritornare la sera con qualche fitta e infiammazioni lungo il nervo interessato...

[#34] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Direi che potrebbe essere "normale".
Dr. Antonio Ferraloro

[#35] dopo  
Utente 322XXX

Salve dottore,

Stavo per ricominciare il percorso diagnostico in quanto ormai ogni giorno prendo le solite 10 gocce di rivotril e verso sera i sintomi ricompaiono anche se più lievi (tensione collo sinistra + dolore tempia sinistra + dolore nervo c2-c3) riprovando con una visita gnatologica. Stasera ho sbattuto la tempia (ma proprio leggermente) e i sintomi si sono accentuati. Stessa cosa che mi succede a seguito di massaggi di osteopati sulla zona.
Dopo 2 anni é possibile che il problema sia un aneurisma di piccole dimensioni o sono asintomatici? O é forse il nervo irritato che toccandolo accentua i sintomi? Nessuno sembra dare importanza a questa cosa...

Grazie

[#36] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

un piccolo aneurisma cerebrale è asintomatico, pertanto lo escluderei.
Un'irritazione del nervo? Teoricamente possibile ma non è possibile stabilire a distanza se possa essere il Suo caso.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro