Utente
A causa di dolori addominali il 23 gennaio ho fatto i raggi all'intero apparato digerente bevendo il solfato di bario: quella sera, vuoi il fatto che ero reduce da 15 giorni di pastina e pollo, vuoi che quel giorno ho mangiato poco e camminato molto, ho avuto un pò di giramenti di testa e tremori alle gambe. La mattina dopo stavo bene, alla sera di nuovo capogiri: così per circa una settimana. I due giorni seguenti ho avuto queste vertigini di giorno, verso le 11, coricandomi sono passate, e poi basta per il resto della giornata: in compenso era completamente sparito l'appetito e avevo frequenti eruttazioni, quindi in quei due giorni ho mangiato poco. Nei giorni seguenti, pur non avendo fame ho mangiato di tutto e in porzioni normali, le vertigini venivano di giorno, di sera, non seguivano più uno schema, ma l'appetito è tornato. Intanto il mio medico ipotizzò che la mia ansia e la mia preoccupazione inconscia per i risultati dei raggi (colon spastico) è sfociata appunto in queste vertigini, per cui mi ha prescritto valeriana dispert. Per 3-4 giorni l'ho presa (1 compressa 3 volte al giorno), e dato che non c'erano stati miglioramenti dal punto di vista delle vertigini mi ha consigliato il microser da 8 mg mattina e sera. L'ho preso per 3 giorni, nessun risultato: ho provato quello da 16 mg; quella sera (10 febbraio) ad un tratto ho avuto un fortissimo attacco di nausea e con molta volontà sono riuscita a non vomitare, e tremori: il medico disse che potrebbe essere dovuto al fatto che prima di mangiare ho preso il debridat (che prendevo dal 26 gennaio, anche se l'avevo preso anche altre volte senza nessun effetto negativo) e dopo mangiato il microser, e l'associazione ha causato il malore, che mi ha fatto sparire di nuovo l'appetito e ho avuto nausea;oggi ne ho avuta meno. Quindi ho sospeso il debridat e ricominciato con microser da 8 mg da ieri, in tutto questo le vertigini ci sono ancora, spariscono se mi corico ma ultimamente tornano anche se sono a letto: fattore costante è che posso averle da seduta come mentre cammino, giorno o sera, se leggo o no, sotto sforzo o no,in alcuni momenti della giornata spariscono, ho difficoltà a concentrarmi mentre studio; in più a volte c'è questa pressione alla testa, come se il cranio mi stesse stretto, spesso è alle tempie e fronte e scende fino al naso, oppure nella parte dietro della testa. Le vertigini sono soggettive, cioè non è ciò che mi circonda che gira, sono io che mi sento come spintonata, scossa. Oggi sento anche un peso alla testa come se il collo non fosse in grado di tenerla su, e delle fascicolazioni nella parte alta della testa. Il mio medico ha escluso problemi cerebrali per la mia età (28) e insiste che si tratti di stress. Continuo il microser finchè spariscono? L'11 marzo ho l'esame vestibolare dall'otorino.
ps:mai avuto questi problemi, nè di attacchi di ansia, però soffro di mal di mare/auto sin dall'infanzia (è di famiglia). Le vostre opinioni?

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l'associazione delle vertigini con il senso di pressione alla testa farebbe pensare un problema cervicale, per es. muscolo-tensivo ma non si esclude nemmeno un fattore psicosomatico. Ovviamente queste ipotesi devono essere valutate dal Suo medico curante in attesa della visita otorino.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta.
Il mio medico sostiene che tutto sia dovuto ad una mia reazione di stress sorto per i risultati dei raggi all'addome, anche se io in fondo non mi sentivo molto in ansia perchè a parte i dolori addominali non presentavo nessun altro sintomo comune ad altre malattie più gravi, come crohn, colite ulcerosa, celiachia, anche se ammetto di averci pensato.
La cosa che mi stranisce è che comunque è quasi un mese che la faccenda si protrae; sempre su consiglio del medico, sto prendendo due microser 8 mg al giorno da una settimana.
Vorrei aggiungere che ho un pò di scoliosi, che però non mi ha mai dato nessun problema, ci potrebbe entrare?

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Dipende dal grado e dalla localizzazione.
Considerato però che già ha consultato il medico curante, se il problema dovesse persistere si rivolga ad un neurologo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Ho un dubbio, ho letto che il mio tipo di vertigini è detto soggettivo, quindi è più probabile che la causa scatenante sia di tipo cervicale: a questo punto è opportuno fare l'esame vestibolare dall'otorino o è meglio rivolgersi prima all'ortopedico? Inoltre, è meglio andarci già muniti di eventuali esami? Se sì, quali?
Grazie.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In caso di sospetta origine vestibolare delle vertigini lo specialista di riferimento è l'otorino.
Eventuali esami saranno prescritti dallo specialista in modo mirato ai riscontri della visita stessa e solo se ritenuti indicati.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro