Utente
Salve,
circa un mese fa sono stata ricoverata perchè avvertivo bruciore, calore ed insensibilità alla gamba sinistra che con il passare dei giorni è salita fino a sotto il seno e dietro la schiena (sempre sulla metà sinistra del corpo).
Fatta la RM all'encelfalo ed al midollo con mdc è stato riscontrata un infiammazione al midollo, in particolare la lesione era estesa a livello C3-C4-C5, mentre l'encefalo era pulito.
Subito dopo ho fatto la rachicentesi(di cui sono ancora in attesa dell'esito) e con una cura di cortisone per ev per una settimana sono stata dimessa, i sintomi iniziali erano del tutto rientrati e per fortuna non ho avuto problemi di tipo motorio ma solo sensitivo.
Tornata a casa e con il passare dei giorni avvertivo un calore al piede sinistro,specie quando mi stendevo, il neurologo mi spiegava che era dovuto alla cicatrici che l'infiammazione ha lasciato al midollo e mi sono tranquillizzata, infatti il fastidio lo sento sempre più di rado.
Pochi giorni dopo però iniziai a sentire un formicolio ad entrambe le mani e questo mi ha fatto allarmare in quanto erano nuovi sintomi rispetto a quelli iniziali.
Richiamato il neurologo mi disse di aspettare un paio di giorni e vedere come la situazione si evolveva, in quel caso avrei fatto un altro ciclo di cortisone per via orale.
In effetti dopo un paio di giorni il formicolio era andato via sostituito prima da una sensazione di "spilli" se mi toccavo le punte delle dita che poi piano piano sono andati via e, tutt'ora avverto poco solo alla mattina.
Ora quando sono in movimento per molto tempo o a fine giornata mi viene un po' di mal di schiena e al piede (sempre sinistro)
Leggendo le dimissioni dall'ospedale leggo :"mielite di probabile origine disimmune"
Ma cosa vuol dire?
Ovviamente la mielite è solo una diagnosi provvisoria in quanto attendo l'esame del liquor...ma: in che caso la SM si può escludere?
Il fatto che questi "fastidi" non sono costanti ma vanno e vengo possono farmi escludere una malattia demielinizzante e quindi pensare solo ad un episodio isolato?
Grazie

[#1]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
La diagnosi formulata di "mielite di probabile origine disimmune" significa letteralmente infiammazione del midollo spinale a genesi immunitaria.

Molto curioso che dopo un mese dalla rachicentesi (puntura lombare) per lo studio liquorale non abbia ancora il referto dell'esame medesimo.

I disturbi che riferisce potrebbero SI essere attribuiti agli esiti gliotici (ovvero cicatriziali) della flogosi del midollo spinale.

Per aver informazioni più dettagliate occorre necessariamente entrare in possesso dei risultati dello studio liquorale.

Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la celere risposata Dott. Poli!
Ho fatto la puntura lombare esattamente il 18 dicembre, mi hanno detto in ospedale che ci vorranno dai 30 ai 40 giorni per il risultato...aggiungiamoci le feste natalizie di mezzo...

Quindi questa infiammazione a (probabile) genesi immunitaria può escludere una malattia cronica o non necessariamente?

[#3]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Un unico episodio non soddisfa i criteri per definire "malattia cronica" la infiammazione della quale racconta.

Mi sembra la risposta più "evidence based medicine" ovvero secondo la medicina basata sull'evidenza che Le possa fornire.

La previsione del futuro, comprenderà bene, richiederebbe poteri divinatori.
Ciò in particolare in assenza della risposta dell'esame liquorale.

Cordialmente.

NB: un consulto a distanza non può sostituire una valutazione medica (visita medica effettuata direttamente) e strumentale o di laboratorio.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#4] dopo  
Utente
Buon pomeriggio Dottore.
sono ancora in attesa dell'esito della rachicentesi ma nel frattempo ho letto più specificatamente nel referto delle dimissioni ed ho visto che sono il Ab anti herpes simplex ed Epstein barr IgG positivo mentre IgM negativo.
Questo, da quanto ho capito, ha provocato l'infiammazione, girando su internet ho letto che il sistema immunitario per attaccare questo virus infiamma la parte colpita, è giusto?Quindi il fatto che questo test è positivo può escludere la SM o potrrebbe anche averla scatenata?(sempre letto in giro qui e la)
Scusi se insisto ma sono molto spaventata da questa malattia e lo so che senza quell'esame non si può escludere ma in questa, snervante, attesa capire quello che mi è successo.
Grazie

[#5]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Aspettiamo il risultato della rachicentesi.
Comunque potrebbe trattarsi di una mielite virale.

Non comprendo perchè occorra tanto tempo per la risposta del primo esame sul liquor.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#6] dopo  
Utente
Martedì ho avuto il colloquio con la neurologa dopo aver avuto l'esame del liquor...ecco il referto:
"Presenza nel CSF di 16 frazioni di IgG anomale assenti nel siero a pI 7.2-10.3. Conclusioni reperto immunopatico da sintesi intratecale di IgG oligoclonali" "Ab antiacquaporina : negativi"
Lei quindi mi spiegava che devo aspettare le prossime risonanze per capire se è stato un caso isolato o la genesi di qualcos'altro...

[#7]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Un caso isolato...appunto...
Prossimi esami RM ed un atteggiamento del tipo wait and wath circa lo status clinico.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#8] dopo  
Utente
Buonasera dottore, le vorrei fare una domanda:
da circa una settimana dal primo pomeriggio alla sera (non costantemente) mi viene mal di testa, leggero che mi porto fino a che non vado a dormire, ma la cosa che più mi dà da pensare sono come delle "fitte" che ho, a volte molto forti...tanto che mi fermo quei pochi secondi e devo stringermi la testa...sono perlopiù sulla sommità della testa, capita a volte alterne, a volte a destra, a volte a sinistra...
posso associarlo ad un problema neurologico?o si potrebbe trattare di altro?

Grazie in anticipo per la risposta

[#9]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2012
Così a distanza difficile a dirsi.
Mal di testa leggero se di tipo costrittivo potrebbe riferirsi ad una cefalea musco-tensiva ma le fitte che riferisce alle volte molto intense...
...Necessariamente dovrò ripeterle come questo sia un consulto a distanza e come tale non possa sostituirsi ad una visita medica, che altresì Le consiglio.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it