Attivo dal 2015 al 2016
Buongiorno,
Sono una ragazza di 28 anni.
Da circa tre settimane avverto delle scosse abbastanza forti al lato destro della schiena; di solito partono dall'alto e arrivano fino alla zona lombare, salvo una recente, più forte del solito (tanto da sobbalzare) sempre dal lato destro ma che partiva da sotto l'ascella.
Preciso che sempre dal lato destro avverto da qualche mese dolore cervicale.
Aggiungo che circa 4 notti fa mi sono svegliata durante la notte col corpo completamente in tensione, mi sono spaventata e ho cominciato a sudare, e allora ho tolto tutte le coperte; di conseguenza, ho avvertito dei brividi. Nel frattempo, mi si strizzavano gli occhi e vedevo dei flash e ho avvertito uno sgradevolissimo odore di frittura.
Non so se per lo spavento, ma appena mi sono calmata ho avvertito il bisogno di andare in bagno.
Preciso che questo "attacco" non sarà durato più di un paio di minuti e che dopo non ho avuto mal di testa.
Sono stata visitata da un neurologo che mi ha parlato di un'aura che ha preceduto una forma di "emicrania sine emicrania".
Tuttavia, su internet ho letto che l'aura spesso integra una crisi epilettica parziale.
Mi chiedo quale sia la differenza e se nel mio caso non si sia trattato di un episodio epilettico, considerata l'assenza di cefalea e la breve durata dell'aura.
Sono abbastanza in ansia perché ho letto che spesso una crisi parziale è prima spia di un tumore cerebrale.
Sono in una fase molto intensa della mia vita, sto studiando per un concorso importante, e vorrei sapere se questi problemi possono anche avere una natura psicosomatica.
Grazie per l'attenzione

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la natura psicosomatica dei sintomi riferiti è possibile considerato il periodo di stress che sta attraversando, tuttavia si devono escludere prima eventuali fattori organici.
Crisi epilettica? Possibile pure, considerato lo sgradevolissimo odore di frittura.
Aura sine emicrania? Possibile anche.
Come vede il ventaglio delle ipotesi diagnostiche è ampio.
La visita neurologica ha avuto esito negativo ma una RM encefalica ed un EEG, meglio nelle 24 ore, sarebbero indicati.
Ah, lo stress potrebbe scatenare sia una crisi epilettica sia un'aura visiva.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Attivo dal 2015 al 2016
Grazie per la risposta, dr. Ferraloro!
In effetti il neurologo mi ha consigliato una radiografia rachide cervicale, una tac al cranio senza mezzo di contrasto e un eeg, ma mi ha fatto capire di averlo fatto solo per farmi stare più tranquilla.
I miei familiari continuano a ripetermi che non può essere casuale che queste manifestazioni si stiano presentando tutte insieme e tutte in questa fase della mia vita, considerando fondata esclusivamente la fonte psicosomatica dei miei disturbi.
Dello stesso parere è anche il mio medico generico, che però non mi ha nemmeno accennato all'eventualità di un'aura sine emicrania o di una crisi epilettica parziale; ecco perché richiedergli la prescrizione per questi esami mi sembra indelicato, avendolo scavalcato andando di mia iniziativa dal neurologo.
Ho letto di tumori cerebrali che si manifestano proprio con crisi epilettiche parziali, e questo pensiero mi allarma tanto.
Mi piacerebbe sapere, nei limiti di un consulto a distanza e sulla base di quanto Le ho raccontato, se ritiene anche Lei più probabile l'ipotesi psicosomatica.
Grazie ancora e buona serata!

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

come Lei giustamente dice, cioè con i limiti del consulto a distanza, l'ipotesi psicosomatica è possibile ma, per mia forma mentis, prima di arrivare a questa conclusione escludo prima altre eventuali ipotesi.

Un consiglio, se dovesse fare un esame di neuroimaging, cioè TC o RM, preferisca quest'ulima in quanto, a livello encefalico, dà più informazioni e non emette radiazioni ionizzanti.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Attivo dal 2015 al 2016
Buonasera dr. Ferraloro,
Ho eseguito la tac cranio e le radiografie alla cervicale e sono in attesa dei risultati.
Le vorrei nel frattempo chiedere un'informazione.
Ultimamente si parla spesso di sla e sono andata a leggere qualche articolo su internet.
Ho letto che si tratta di una patologia rara ma che può colpire anche i ragazzi giovani, della mia età.
Mi chiedo se le scosse che avverto al lato destro della colonna vertebrale possono inquadrarsi nella sintomatologia d'esordio della sla.
In verità da un po' avverto anche rigidità alla mano destra e "doloretti" anche al braccio e alla gamba e piede, sempre a destra.
Ho notato, inoltre, che la mano destra trema sempre un pochino, anche se a risposo.
Mi piacerebbe avere delle delucidazioni per evitare di interpretare senza filtro medico queste sensazioni.
Grazie mille

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

nessuno dei sintomi menzionati è tipico d'esordio della SLA, addirittura i "doloretti" ed il tremore non fanno parte del corredo sintomatologico della malattia.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro