Utente
Buongiorno,
volevo cortesemente il vostro parere su questa fastidio che mi assilla oramai da una settimana. Ho a frequenza intermittente dei formicolii e intorpidimento alle dita delle mani e dei piedi. Alle mani il formicolio è da un paio di giorni praticamente incessante, mentre ai piedi capita soprattutto dopo uno sforzo fisico anche di lieve entità (da una corsa ad una semplice passeggiata). Questi episodi si sono presentati in questo periodo in cui vado in palestra per fare pesi nella pausa estiva dal calcio. Ovviamente ne ho parlato con il medico curante che mi ha consigliato di prendere delle gocce omeopatiche per l'ansia e nel caso in cui questi formicolii rimangano per piu di 10 gg si procedera con una visita neurologica. E' possibile che una tale situazione sia dovuta a sforzo fisico o infortunio in palestra? Negli ultimi 2 gg, con l'accentuarsi dei formicolii ho avuto dei dolori alla zona lombare che a tutt'oggi vanno e vengono a seconda della postura.

Grazie anticipatamente.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la sintomatologia riferita potrebbe essere causata dallo sforzo fisico e da particolari posture assunte durante l'attività sportiva.
Capisce però che questa è solo un'ipotesi a distanza, concordo pertanto con quanto Le ha detto il medico curante, di attendere alcuni giorni per vedere il decorso e poi eventualmente di effettuare la visita neurologica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la sua risposta. Visto che i sintomi menzionati sopra non sono affatto scomparsi ho eseguito settimana scorsa visita neurologicaed elettromiografia con esito negativo. Il neurologo a questo punto mi ha detto di tranquillizzarmi e aspettare qualche settimana per vedere se la sintomatologia persiste pensando che sia di natura psicosomatica. Ad una settimana dal emg nulla è cambiato, anzi quando faccio sforzo fisico (corsa, passeggiata) la situazione peggiora ritornando poi stazuonaria una volta a riposo. Secondo lei devo insistere con indagini in contesto neurologico oppure magari sentire un fisiatra?
Ovviamente il tutto con i limiti del consulto a distanza. Dimenticavo, soffrendo di emicrania da 8 anni, 2 anni fa ho fatto per controllo una RMN encefalo e tronco encefalico anch'essa negativa. Pensa sia il caso di rifarla?
Saluti
Grazie

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se il problema è dei nervi periferici può essere normale l'esito negativo dell'EMG sia per l'eventuale lieve compressione che non causa alterazioni stabili della velocità di conduzione dei nervi stessi sia perché ancora, per motivi di tempo, tali alterazioni non riscontrabili all'esame.
Ha mai fatto indagini alla colonna vertebrale, tratto cervicale e lombosacrale?
Rifare una RM encefalica? Forse sarebbe più indicata quella alla colonna vertebrale, magari associata a quella encefalica.

Cordialmente

Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
L'emg era volta a scongiurare la presenza di polineuropatie. Non ho mai fatto indagini a livello di colonna vertebrale. Che intende che per motivi di tempo tali alterazioni non sono riscontrabili con l'esame? secondo lei un quadro clinico del genere non può rendere necessaria una RMN encefalo per capire se ci sono in atto patologie demielinizzanti?
Grazie per la.sua gentilezza e disponibilità.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
<<per motivi di tempo >> significa che ancora potrebbe essere presto perché eventuali alterazioni dei nervi siano riscontrabili all'EMG.
Ho consigliato la RM encefalo insieme a quella midollare.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro