Utente
Gentili dottori, buonasera.

Avrei da porvi un quesito. Il mio timore è di avere qualcosa di grave alla testa, come una neoplasia, soprattutto visto che un amico è morto proprio di tale patologia qualche mese fa' a soli sedici anni. Ho diciotto anni e, da circa quattro-cinque giorni (non tre) la testa presenta strani sintomi molto preoccupanti.

Non è assolutamente un dolore, né è fastidiosa; semplicemente, a volte, sento un fastidio in testa. Sento le tempie pulsare al tatto (e specifico che solamente al tatto). Cosa che mi ha preoccupato molto, leggendo online, perché la mia paura è quella di avere un brutto male alla testa.

L'altro ieri i sintomi sono "peggiorati" dopo una pallonata alla testa, tuttavia ieri la situazione è nettamente migliorata ed oggi il fastidio è pressoché scomparso e sto anche meglio rispetto all'inizio. Ma questa cosa del battito della tempia al tatto mi ha preoccupato assai, tanto che ho deciso di scriverVi per ottenere una risposta. Faccio bene a temere qualcosa di grave?

Inoltre sento la fronte calda ma non mi fa male né ho febbre, credo sia per il caldo. Infatti non è tanto calda.

Tanto per precisare, non sono né debole né ho perso appetito. Tutto come al solito, se non fosse per queste preoccupanti pulsazioni.

Vorrei farmi portare da un neurologo ma non so neanche come introdurre il discorso visto che sto effettivamente bene, non essendo questo "fastidio" invalidante in modo alcuno. Quindi non so cosa fare.

Grazie mille in anticipo. Spero in una risposta celere.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

starei tranquillo riguardo le Sue preoccupazioni, non mi sembra che ci sia nulla d'importante, pare che si tratti delle normali "pulsazioni di vasi" che in ogni caso, per essere avvertite al tatto, sono esterne alla scatola cranica, non hanno nulla a che vedere con il cervello.
Ne parli col medico curante ma stia tranquillo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio infinitamente, dottor Ferraloro.

Perdoni la domanda sciocca ma ero abbastanza preoccupato!

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Di nulla, buona serata.
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Dottore, buongiorno.

Sono qui per riferirle di un altro, preoccupante sintomo: l'insonnia.

È da circa tre giorni che soffro di insonnia centrale, e la cosa mi sta preoccupando da morire. Perché è tornata la paura di avere qualcosa di brutto.

Non avverto altro. Faccio fatica a riprendere sonno, mi giro e rigiro ma niente. Non avverto altro. Ma sinceramente sono preoccupato.

La sera infatti sono un po' assonato. E ho letto, online, della rigidità nucale; cos'è? Perché forse ho anche quella (comunque posso muovere senza problemi la testa in ogni direzione e anche girarla). Non mi fa neanche male il collo.

Grazie in anticipo.

P.s.: il fastidio alla testa è pressoché sparito. Ogni volta che sparisci un sintomo praticamente ne arriva un altro.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

cosa intende per "insonnia centrale"?
La rigidità nucale da attenzionare è quella tipica di alcune malattie infiammatorie ma non è certamente il Suo caso che al massimo è caratterizzato da tensione o da contrattura muscolare.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Mi risveglio durante il sonno, senza regione apparente.

Con un po' di fatica mi riaddormento, ma solamente per altre tre, massimo quattro ore. A quel punto è impossibile riaddomentarsi. Forse il termine più corretto per definirla è intermedia?

La ringrazio per la rassicurazione, ad ogni modo!

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

probabilmente il disturbo del sonno è secondario all'ansia, infatti anche a distanza s'intuisce un disturbo ansioso di base.

<<Ogni volta che sparisci un sintomo praticamente ne arriva un altro.>> anche questa situazione è spesso presente nei disturbi d'ansia, associata, come nel Suo caso, a <<paura di avere qualcosa di brutto>>.

Ovviamente questa è solo un'impressione on line che non ha nessuna pretesa diagnostica.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Gentile dottore, buongiorno. Le scrivo per comunicarle la totale scomparsa della sonnolenza post-cena, ma della permanenza dell'insonnia centrale.

Non so, nonostante la mattina sia lucido e non stanco ho l'impressione di non aver dormito. Mi sono alzato dal letto alle 11.30, ho cominciato a dormire alle 3 dopo aver finito il progetto a cui stavo lavorando; ciò nonostante sono sicuro che mi sono svegliato almeno due volte e che ho passato un po' di tempo a girarmi per dormire, dopo il secondo risveglio. Dunque la preoccupazione c'è ancora in quanto non vorrei che l'insonnia sia causata da qualcosa di più grave.

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Questo lo può verificare rivolgendosi ad un centro di medicina del sonno. Da quello che si evince a distanza non sembra nulla d'importante.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro