Utente
Salve, sono una ragazza di 23 anni. Premetto che sono un soggetto un po' ansioso e certi sintomi tendono a farmi diventare ipocondriaca. Per circa un mese ho avuto un mal di testa continuo, leggero ma a volta è peggiorato arrivando a darmi nausea e farmi rimettere. Inoltre ho preso varie bustine di oki e altri antinfiammatori ma niente ha realmente funzionato. Ora sono un paio di giorni che sento come una pressione alle tempie, costante. Ho provato a prendere antinfiammatori e a riposare ma il dolore/pressione persiste. Ora sono molto preoccupata perché sto pensando a malattie piuttosto gravi come la meningite avendo anche un raffreddore al momento oppure qualcosa di più grave al cervello (aneurisma o persino tumore!). Aspetto una risposta al più presto poiché non riesco a stare tranquilla con questa sintomatologia.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l'attuale sintomatologia è di solito caratteristica delle cefalee tensive, nel Suo caso probabilmente causata dal raffreddore.
Non mi sembra nulla di grave ma è ovvio che, essendo questo un consulto a distanza, un controllo clinico presso il medico curante è senz'altro indicato, anche considerata la pregressa cefalea vera e propria.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Quindi, secondo Lei, il mio mal di testa e pressione alle tempie potrebbe essere dovuto al raffreddore? Inoltre oggi la pressione alle tempie è peggiorata e non ha accennato a calmarsi nemmeno quando ho preso un antinfiammatorio (brufen). Sento come la testa pesante, sopratutto sopra gli occhi. La ringrazio per sua risposta

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

quella del raffreddore è solo un'ipotesi, a distanza non è possibile dare certezze, infatti ho consigliato dì farsi controllare dal medico curante. Se poi il problema dovesse persistere effettui una visita neurologica per avere una diagnosi corretta.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro