Utente 190XXX
Gentili dottori, mio marito ha 60 anni, un'ottima salute e non prende farmaci.
L'altra sera, poco prima di andare a letto, chiacchierando del più e del meno, non si ricordava né il mese in cui siamo e nè l'anno. Spaventata per l'insolito comportamento, o insistito per fargli dire in che anno eravamo secondo lui. "Ho come un buco in questo momento...2002-2003" mi rispondeva. Preoccupatissima gli ho fatto alcune domande del tipo: ns numero di telefono? data mio compleanno? data di nascita delle figlie? Fortunatamente lui ha risposto in maniera esatta, però continuava non ricordarsi nè il mese, diceva ottobre...novembre (l'episodio è successo a novembre 2008), nè l'anno in corso, non preoccupandosi eccessivamente dell'accaduto al contrario di me. Aveva atteggiamenti strani. Mi chiedeva dove fosse il suo pigiama (è sempre al solito posto) e affermava che aveva la sensazione di dimenticare qualcosa.
Alla mia domanda se stesse poco bene, mi rispondeva che stava benissimo.
Siamo andati a letto e la notte è trascorsa tranquilla, ma vi lascio immaginare il mio stato d'ansia. L'indomani era tutto a posto e lui ricordava perfettamente quanto era successo non riuscendo a trovare una spiegazione.
Ho temuto per il classico "colpetto" o una momentanea ischemia cerebrale.
Cosa sarà successo? E' un campanello d'allarme? Che indagini mi consigliate di effettuare?
Vi prego di rispondermi al più presto possibile perché mi sento davvero preoccupata. Grazie infinite.

Laura

[#1]  
Dr. Rosa Patrizia Sant'Angelo

24% attività
0% attualità
0% socialità
RIMINI (RN)
FERRARA (FE)
RAVENNA (RA)
BARCELLONA POZZO DI GOTTO (ME)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2008
Gentile sig.ra sarebbe opportuno che raccontasse quanto scritto al proprio medico di famiglia il quale, conoscendo suo marito, saprà che indagini consigliarle evitando inutili sprechi ed allarmismi.
Ha controllato negli ultimi tempi la pressione arteriosa, i valori degli es. ematici relativi all'emocromo e all'assetto lipidico (colesterolo trigliceridi LDL HDL)? ha mai fatto un Elettrocardiogramma? i genitori di suo marito soffrivano di particolari patologie ereditabili?
Cordialmente,
Dr. Rosa Sant'Angelo

[#2] dopo  
Utente 190XXX

Gentilissima dottoressa Sant'Angelo, innanzitutto la ringrazio per l'immediata risposta.
Subito le dico che mio marito ha fatto le analisi di cui le mi scrive, pochissimo tempo fa e i valori erano normalissimi. L'ultimo elettrocardiogramma risale a un paio di anni fa e anch'esso è risultato normale.
Infine i genitori di mio marito non soffrivano di particolari patologie riconducibili a forme ereditarie.
La pressione arteriosa è in regola.
Seguirò certamente il suo consiglio di parlare col nostro medico curante, cosa che tra l'altro avevo in programma di fare.
Ringraziandola infinitamente per la risposta, le auguro una buona settimana.