Utente
Gentili dottori,
un paio di settimane fa, in seguito a un episodio di perdita della coscienza, ho effettuato una TAC al pronto soccorso. E' emerso il seguente risultato anomalo: due formazioni ovalari calcificate adese alla dura, una di 3 mm e l'altra di 5 mm di diametro. La neurologa ha poi interpretato queste due formazioni come piccoli meningiomi asintomatici, probabilmente non legati all'episodio patologico.

In attesa della risonanza magnetica, però, ho avuto la brillante idea di leggere la letteratura medica in proposito, e ho notato che la presenza di meningiomi multipli viene riportata come comune nella neurofibromatosi di tipo 2. Ho letto anche le altre caratteristiche della sindrome, che io non presento, ma come capirete l'angoscia, da profano, è tanta. Quindi chiedo, dal vostro punto di vista, che probabilità ci sono di una diagnosi di neurofibromatosi 2 asintomatica (quindi, due neurinomi acustici non rilevati alla TAC + i due meningiomi rilevati) a 32 anni? E' un'occorrenza più o meno rara dei meningiomi multipli di per loro?

Inoltre, dalla risonanza magnetica sono passati 3 giorni e la consegna del referto è fra altri 3. Sulla base delle vostra conoscenza della prassi in questi casi, se il medico avesse rilevato nuove lesioni non presenti nella TAC, suggestive di questa o di altre gravi sindromi, avrebbe chiamato al telefono prima? O è possibile scoprire tutto alla consegna del referto, senza preannuncio?

Grazie

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l'essere asintomatico farebbe escludere una fibromatosi di tipo 2 che è anche una malattia rara.
Consideri inoltre che difficilmente in questa malattia i meningiomi si manifestano calcificati.

Riguardo l'ultima domanda, non esiste una regola precisa, dipende dal neuroradiologo, di solito però viene rimandato tutto alla consegna del referto.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro