Utente 118XXX
Buongiorno,
vi scrivo per un problema che mi affigge da qualche mese e che ultimamente sembra essere peggiorato.
Da gennaio soffro di spasmi palpebrali che prima erano ad entrambi gli occhi e che nell'ultimo mese si sono concentrati
solo sull'occhio destro, dove è la parte superiore della palpebra a tremare.

Inizialmente avevo pensato ad un problema di stress essendo io una persona molto emotiva, ma ultimamente inizio a pensare
che ci sia dell'altro di ben più grave, infatti da circa un mesetto oltre al tremore faccio fatica ad aprire la palpebra al risveglio nel senso che mentre la palpebra sinistra a risveglio si apre normalmente, la destra no e devo fare uno "sforzo volontario" per aprirla.

Durante il giorno non incontro problemi di apertura anche se ho la sensazione di occhi stanchi.

Per completezza preciso che mi sono sottoposta nell'ultimo mese a 2 visite oculistiche da 2 medici diversi, i quali non hanno riscontrato
problemi all'occhio se non un po' di secchezza oculare bilaterale. (sono fortemente miope e portatrice di lenti a contatto da tanti anni)

Leggendo qua e la mi sono fatta l'idea che dietro a miei disturbi possa esserci o la sclerosi multipla e un tumore cerebrale... vorrei conoscere un vostro parere in merito.. vorrei sottopormi ad una risonanza magnetica per dirimere i dubbi, ma che tipo di risonanza mi consigliate? con o senza contrasto?

Vi ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
preliminarmente alla esecuzione di un'indagine quale la Risonanza Magnetica, è fondamentale che si sottoponga ad una visita neurologica, onde accertare che il fenomeno descritto non sia legato ad un deficit parcellare del III nervo cranico (oculomotore comune) o che vi non sia un inizio di miastenia. La presenza di semplice tremore o miochimia può essere correlato a tensione emotiva o abuso di sostanze stimolanti (caffè, nicotina, etc.), ma la difficoltà a sollevare la palpebra (o ptosi) merita l'attenzione del Neurologo.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 118XXX

Buongiorno dottore,
la ringrazio per la sua risposta, prenoterò sicuramente una visita neurologica, le volevo solo specificare che nel mio caso non credo si tratti di ptosi, perchè la palpebra non risulta meno aperta dell'altra o più bassa, una volta aperto l'occhio le palpebre sono uguali.

La difficoltà che le riferivo in merito all'apertura è più simile alle rime cigliari che rimandono "incollate" quindi devo fare uno "sforzo" per aprile l'occhio destro.
un'ultima cosa che voglio aggiungere è che il disturbo è iniziato in seguito ad una visita oculistica in cui mi hanno inserito una lente a contatto per visionare il fondo dell'occhio. Può un danno meccanico dare questo sintomo? oppure è una mera coincidenza.

Grazie

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Dopo questa sua specificazione, ritengo che prima di consultare un Neurologo sia più indicato rivolgersi nuovamente all'Oculista
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it