Utente 881XXX
Salve, sono 3 giorni che ho una fascicolazione continua alla palpebra inferiore dell'occhio sx; praticamente a livello periorbitale.
Me ne sono accorto mettendo le lenti a contatto (che da allora non sto mettendo più): infatti è un tremolio CONTINUO (non ha mai smesso un secondo in 3 giorni) ma lievissimo. Non lo sento nemmeno, ma se "mi ascolto" allora sento più che altro una leggera tensione, più che una fascicolazione; anche se poi dovrebbe essere una miochimia dato che è ripetitiva è sempre esattamente nello stesso punto.
Non è la prima volta che mi trema una palpebra, ma mai così: di soltio si tratta di tremori spontanei, che durano nel tempo, ma intermittenti: ci sono delle pause. In questo caso NON SMETTE MAI. questo mi sta alquanto preoccupando.
La domanda è: è possibile che una miochimia vada avanti per 3 giorni senza pausa e senza essere la spia di un problema neurologico più SERIO (SLA)? Quando è opportuno indagare? grazie a chi vorrà rispondermi

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

più che di fascicolazioni penso si tratti di miochimie, come bene Lei ha detto. Queste hanno quasi sempre un'origine ansiosa o da stress, possono presentare un decorso variabile, cioè essere discontinue, presentarsi più volte al giorno, essere sporadiche o persistenti. Nel Suo caso al momento si manifestano continuativamente, è uno dei decorsi possibili.
Non penso che ci siano problemi importanti, se il disturbo dovesse persistere tra qualche settimana effettui una visita neurologica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 881XXX

La ringrazio, dr. Ferraloro, per la tempestiva risposta. Volevo chiederle due cose: 1) Alcuni anni fa (circa 5) avevo fatto tutte le indagini neurologiche possibili a causa di alcuni problemi diversi che si sono rivelati poi essere soltanto "stress". E' vero che sono passati degli anni, ma mi chiedevo, dato che alcune malattie neurologiche, quali la SLA, hanno un decorso iniziale, prima della loro manifestazione clinica, piuttosto lento (poi accelerano), gli esami di 5 anni fa (Risonanza, elettromiografia ecc) possono avere una certa attentibilità o sono carta straccia? 2) Una domanda che mi sono posto spesso, dato che i tremori sembrano rappresentare la paura principale che porta a indagare malattie così serie, non è in realtà vero che la manifestazione principale è la debolezza? Sarebbe compatibile un sintomo clinico quale il tremore non associato a una particolare debolezza? Se sei un pesista te ne accorgi se perdi forza in generale. Grazie per il suo cordiale e sempre puntuale riscontro

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

gli esami effettuati cinque anni fa ovviamente oggi non hanno nessuna attendibilità.
Il tremore non è un sintomo da SLA, né esordisce con le miochimie. La debolezza di cui Lei parla è da intendere soprattutto con l'impossibilità di compiere alcuni movimenti amche semplici, è più un deficit motorio.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 881XXX

Questo significa che si potrebbe avere forza elevata come nel sollevamento pesi e nello stesso tempo perdere "scioltezza" motoria? Quindi è più la perdita di una gestualità che di forza vera e propria? Oppure si perdono entrambe?
Ho usato "tremore" impropriamente, ma intendevo fascicolazioni.
Grazie per le spiegazioni. A volte fare chiarezza è il modo migliore per eliminare le paure che si nutrono della disinformazione che circola su internet.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non c'è una regola precisa, di solito si perde la "scioltezza motoria" che potrebbe anche causare una perdita di forza, ma non esistono dogmi.
Stia tranquillo.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 881XXX

Salve dottore, volevo aggiornarla: il problema è sparito per 2 giorni e mezzo: completamente; ma ora è ritornato... sempre leggerissimo. Se mi guardo allo specchio e c'è poca luce, non si vede neanche.
Ora volevo porle una domanda.
Da circa un mese (dopo un brutto raffreddore) sto usando un decongestionante nasale a base di efedrina, più volte al giorno. Purtroppo questi decongestionanti hanno un effetto rimbalzo che ti porta a usarli sempre di più... ma devo smettere!
L'efedrina è un eccitante.... è possibile che ci sia una qualche correlazione anche se il quantitativo è minimo?

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

Teoricamente può essere possibile ma, sinceramente, lo ritengo poco probabile. La regressione della sintomatologia per più di due giorni è un ulteriore elemento che fa escludere le patologie che teme.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro