Utente 470XXX
Buongiorno dottore,
sono un ragazzo di 31 anni...vorrei cercare di spiegarle la mia storia brevemente.
Cinque anni fa ho iniziato a soffrire di ansia generalizzata associata a depressione...ho subito iniziato una terapia psicologica e psichiatrica..la situazione è migliorata decisamente per un lungo periodo..In seguto alla perdita del lavoro per motivi che non centravano nulla con la mia situazione qualche anno dopo, ho avuto una ricaduta...lo psichiatra mi ha cambiato il farmaco che tuttora assumo, efexor 300 mg die e devo dire che per quanto riguarda ansia e depressione sto veramente bene...
Durante questi anni ho iniziato a soffrire di dolori muscolari soprattutto cervicali, senso di affaticamento agli occhi, sensazioni di malessere generale..ho effettuato esami immunologigi completi prescritti da un immunologo del san raffaele di milano, tac e risonanza encefalo, cervicale elettromiografia, encefalogramma visite neurologiche...i responsi erano sempre " disturbi psicosomatici"...con il miglioramento della situzione psicologica in effetti tanti sintomi sono scomparsi..la cosa che nonostante tutto persiste è la forte stanchezza fisica che si fa sentire già dalla mattina fino alla sera....per motivi di lavoro ero abituato ad andare a letto tardi la sera, intorno alla 1 le 2, e di conseguenza mi alzavo molto tardi la mattina....da quando ho perso il lavoro se mi sveglio presto la mattina, pur avendo dormito le classiche 8 ore, mi sento già stanco e i sintomi della stanchezza peggiorano durante il giorno...ho gli occhi pesanti , tensione muscolare insomma una forte stanchezza fisica che mi rende le giornate molto pesanti....ne ho parlato più volte con lo psichiatra che ancora mi segue ma non mi da mai una risposta certa..dice che il mio corpo si deve abituare ad un nuovo ritmo...mi ha consigliato di andare a dormire e di svegliarmi sempre alla stessa ora per fare in modo che il mio corposi abitui al novo ritmo...è quello che sto facendo da molto tempo ormai, ma non ci sono miglioramenti..la stanchezza e tutti i sintomi correlati non se ne vanno...
Spiegare tutto è molto difficile, ma mi creda la situazione psicologica è sotto controllo, sto bene ma questa stanchezza e questa continua sonnolenza mi rendono la vita difficile e a volte mi fanno crollare l'umore..
vorrei gentilmente chiederle un consiglio...
spero mi possa aiutare

La ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Antonio Costantini

24% attività
0% attualità
12% socialità
VITERBO (VT)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2010
Caro utente, la stanchezza cronica spesso accompagna le malattie infiammatorie o non ha una causa nota. Su google se scrive fatigue, o thiamine fatigue o fatigue inflammatory disease può trovare qualcosa che fa al suo caso. Lo può trovare (poco)anche in italiano. Parli col suo medico curante per vedere se si riconosce in una delle forme descritte per poi eventualmente far fronte a questo problema.
Dr. Antonio  Costantini
carapetata@libero.it