Utente 475XXX
Buongiorno dottori, vi scrivo perché da tempo ho un problema e vorrei un vostro parere.
Il problema è che da tempo, ciclicamente, mi si addormenta una parte della gamba sinistra, e quando capita rimane addormentata per circa 1-2 mesi. La prima volta è capitato circa 7 anni fa, mi si era addormentata la parte dal ginocchio alla caviglia, durò un mese, andai a fare una visita, ma non capirono cosa potesse essere. Poi 2 anni fa mi si è addormentata la parte dal ginocchio fino al piede, facevo fatica a camminare perche essendo addormentato non avevo il controllo del piede, durò più o meno 2 mesi. Ora, da qualche giorno, mi si é addormentata la parte dalla vita fino alla coscia, sempre dal lato sinistro. La sensazione è quella di un anestesia locale, non ho formicolio ne dolore.
Vedendo che il problema continua a presentarsi inizio a preoccuparmi, non mi sembra normale.
Cosa potrebbe essere? E cosa dovrei fare?
Vi ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

se non ha mai fatto nessun esame diagnostico per questo problema, sarebbe il caso di effettuare una visita neurologica, una RM lombosacrale ed un'EMG degli arti inferiori.
Con la visita e i due esami indicati si potrebbero avere delle preziose indicazioni per arrivare ad una corretta definizione diagnostica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 475XXX

Secondo lei dottore, in base ai miei sintomi cosa potrebbe essere?
Comunque la ringrazio tantissimo per la sua risposta e provvederò ad eseguire gli esami da lei indicati.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non sarebbe corretto né professionale avanzare ipotesi, in un caso come il Suo, senza la visita diretta e senza nessun esame diagnostico.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 475XXX

Salve dottore, scusi se la disturbo nuovamente, ma inizio ad essere un po' preoccupata.
Sono andata dal mio medico di base. E, in base ai sintomi che ho descritto, mi ha detto che potrebbe trattarsi di sclerosi multipla ( cosa che già sospettavo) mi ha prescritto un elettromiografia.
Ora sono in attesa di fare l'esame. Vorrei sapere se anche secondo lei può esserci questa possibilità, e se sarebbe meglio fare prima una visita neurologica?!
Oltre agli intorpidimenti alla gamba, 2 anni fa ho avuto anche un problema di disfagia.
Mi scuso e la ringrazio in anticipo

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'EMG non è un esame utile quando c'è il sospetto di una SM.
Il sintomo che Lei lamenta è in comune anche ad altre condizioni, come per es. una problematica alla schiena.
Con l'EMG comunque si potrebbe già vedere un eventuale interessamento dei nervi periferici, non della SM.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 475XXX

In realtà il primo esame che voleva farmi fare era una RM, ma soffrendo di claustrofobia ho chiesto se si poteva lasciare come ultima spiaggia...
Infatti avevo pensato a questo punto di fare per prima cosa una visita neurologica. Ma visto che non sono un medico volevo un parere...
La ringrazio

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Benissimo, è la visita neurologica che deve prima effettuare, poi gli esami diagnostici vengono prescritti in maniera mirata ai riscontri della visita ed al sospetto diagnostico.
Per es., se si sospetta una SM non si richiede una EMG ma una RM encefalo e midollo, se si sospetta una neuropatia periferica si richiederà un'EMG ed altri esami di supporto, ecc.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 475XXX

Buongiorno dottore, ho effettuato la visita neurologica, mi farebbe piacere avere anche un suo parere a riguardo.
L'esito della visita é il seguente:

Da circa sei anni episodi che durano anche mesi di parestesie persistenti specie all'arto inferiore sn.
Episodi di vertigine ed anche di disfagia.
L'esame neurologico mostra oscillazioni in romberg, impossibilità nella marcia in tandem.
Non alterazioni a carico dei nervi cranici, nistagmo assente. Non segni di lato.
Si consiglia RM encefalo e spinale. Successiva rivalutazione.
Lei cosa ne pensa?
La ringrazio

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'esito della visita neurologica è aspecifico, non indica cioè una condizione particolare. Entrambi i segni alterati potrebbero anche non avere significato clinico.
Comunque certamente indicata la RM encefalica e midollare anche in funzione della sintomatologia riferita.
Se vuole potrà farmi sapere l'esito della RM.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 475XXX

Buongiorno dottore, ho l'esito della RM:

"Encefalo: esame eseguito sui tre piani dello spazio.
Linea mediana in asse.
Non sono documentabili alterazioni di segnale parenchimale o liquorale sovra e sottotentoriale
Non evidenti edemi.
Non effetti massa.
Tonsille cerebellari lievemente basse.
Quarto ventricolo in sede.
Il volume del sistema ventricolo cisternale è normo costituito e simmetrico.
Non evidenti residui emosiderinici o calcificazioni distrofiche.
Asciutte le cavità reno-sinusali.

Cervicale: compatibilmente con qualche artefatto da movimento non si repertano segni di mielopatia.
Il nastro midollare è in sede.
I diametri del canale sono conservati pure in presenza di alcuni appuntimenti osseo discali mediane e paramediane bilaterali a maggiore intrinsecazione sinistra, evidenti a livello degli spazi c4-c5, c5-c6 e c6-c7 dove i dischi sono disidratati e tendenti alla protrusione globale
ampio raggio.
Sono comunque libere le emergenze radicolari.
Non evidenti impatti midollari.
Nei limiti il segnale dei corpi esaminati."

Mi farebbe piacere avere il suo parere.
La ringrazio

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

come certamente già saprà, non sono stati evidenziati reperti importanti, né lesioni demielinizzanti che Lei temeva.
Faccia vedere le immagini dell'esame al neurologo che l'ha richiesto.
Adesso può tranquillizzarsi.
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 475XXX

Certo lo farò.
Ma cosa potrebbe causare sintomi del genere...ho avuto episodi di parestesie, vertigini, disfagia, contrazioni alla lingua, stanchezza, debolezza muscolare al braccio sinistro, problemi urinari ed ho avuto anche episodi di disartria..
La domanda è: una volta esclusa una malattia demielinizzante in base ai miei sintomi che esami consiglierebbe di fare? Cosa potrebbe causare sintomi simili?
Sono anni che mi porto dietro questi problemi, vorrei solo capire da cosa sono causati...
Grazie mille

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

con la sintomatologia gli arti inferiori come mai non è stata effettuata anche una RM lombosacrale? O l'aveva fatta in passato?
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente 475XXX

No dottore non l'ho mai fatta, questa è stata la prima RM.
Ma tutti gli altri sintomi?
Mi creda dottore, non sono una persona ipocondriaca, ho passato anni con questi sintomi ed ho sempre cercato di pensare che non fosse nulla..anche quando ho avuto la disfagia, mi é durata per mesi e contemporaneamente mi si era addormentato il piede, si é addormentato da un secondo all'altro, improvvisamente..ed é rimasto addormentato per più di due mesi..zoppicavo e continuavo a perdere peso per la disfagia..ho perso 10 kg nel giro di poco tempo..in più episodi di vertigini, senso di punture sotto i piedi..ho spesso capogiri e momenti di confusione...mi viene spesso mal di testa, più precisamente alla fronte e prende anche l'occhio, ed ogni tanto l'occhio si appanna...da un po' di tempo ho iniziato ad avere disturbi urinari, mi scappa di continuo, anche dopo 5 minuti devo tornare in bagno e non si svuota mai del tutto...e come avevo accennato ho avuto episodi di disartria, soprattutto nei momenti di stanchezza, le parole escono più lentamente...
Ho pensato alla sclerosi multipla perche me lo ha fatto notare una mia conoscente avendo lei il fratello con tale patologia, ne ha riconosciuto i sintomi..e quindi mi sono informata a riguardo ed ho notato che effettivamente avevo avuto molti sintomi...
Non ho paura e non mi sono fissata, vorrei solo capire..
Mi sembra strano comunque avere così tanti sintomi che portano a quello...

Mi scuso se mi sono dilungata nel racconto e la ringrazio

[#15] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la disfagia, mi pare di capire, si è risolta spontaneamente, in questi casi l'origine ansiosa è molto probabile se non si è trovata altra causa.
Anche quella che Lei definisce "disartria" se si verifica nei momenti di stanchezza può concretamente avere la stessa origine, cioè psichica.
Consideri l'esito negativo della RM encefalica, questo confermerebbe tale ipotesi.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente 475XXX

No, non si è risolta spontaneamente, continuavo a peggiorare..ho dovuto prendere lansoprazolo per mesi prima di migliorare (sotto consiglio del medico di base) poi come già detto ho avuto anche altri problemi...poi in quel periodo non avevo particolari problemi di ansia. In quanto alla disartria ( non è facile spiegarsi bene scrivendo) mi è capitato più volte, e se ne sono accorte altre persone che non riuscivo a parlare bene, mi è capitato in momenti di stanchezza ingiustificata ed eccessiva e anche in altri momenti fatico a dire soprattutto determinate parole.
Poi comunque i problemi ciclicamente continuano a presentarsi da anni...
Anche ora ho la coscia addormentata da quasi 3 mesi ormai...comunque a questo punto aspetto di vedere cosa succede. Non ho altra scelta.
Grazie mille per la disponibilità