Utente 353XXX
Salve gentili medici, scrivo questa richiesta di consulto per sapere cosa fare della mia situazione, mi spiego:

3 anni fa iniziai ad avvertire sintomi neuromuscolari (tremori, formicolii, debolezze, clonie), che all'epoca per paura imputai a malattie gravi quali SM, SLA ecc. Venni sottoposto a RMN encefalo ed EMG, entrambe negative. Su consiglio dei curanti feci una visita psichiatrica, dalla quale emerse un disturbo somatoforme/ipocondria. Mi diedero una terapia con paroxetina e dopo 3-4 settimane i disturbi scomparvero.

Arriviamo ad oggi. Circa un mese fa, mi sono circa ricomparsi gli stessi sintomi (iniziati con formicolii sulla punta delle dita, sulla pianta del piede, contratture sul polpaccio destro ecc). alchè, impaurito ma cosciente di quello che mi era successo, ho ricominciato la terapia con paroxetina. A distanza di un mese circa, nonostante la terapia, rimane un senso di debolezza alla coscia sinistra/gamba sinistra, strano perchè in realtà riesco a far forza come sempre e i muscoli sono sempre tonici, con tremori ogni tanto alle dita quando devo eseguire compiti fini (ad esempio scrivere sul telefono, sento un senso di "incertezza" delle dita, non so come spiegarlo).

Detto ciò, capisco quello che ho avuto, ma non voglio ridurre sempre tutto a quello. secondo voi avrei bisogno di approfondimenti neurologici?
Grazie!

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

è verosimile che il problema sia di origine ansiosa e che la paroxetina (a quale dosaggio?) non abbia ancora agito in maniera completa.
Il sintomo riferito è soggettivo, senza deficit nell'esecuzione delle varie attività quotidiane, tuttavia, anche per Sua tranquillità, un controllo clinico presso il medico curante o un neurologo è opportuno effettuarlo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 353XXX

Salve Dr. Ferraloro, e grazie per la risposta! Mi ricordo di lei, qualche anno fa mi aveva risposto giusto a queste paure!
In ogni caso, la dose che prendo è 20 mg (una compressa insomma)... mi è rimasta una strana sensazione di debolezza alla gamba destra, insomma il quadricipite femorale, ogni tanto lo sento "tirare", come se fosse quasi dolore, e me lo sento più stanco quando ad esempio faccio le scale... ma la forza che riesco a sviluppare è la stessa, e tendendo entrambi i quadricipiti sono della stessa "durezza", consistenza, non so come dire...

Secondo lei è possibile che a 28 anni io possa aver la sla? questa è la mia paura sostanziale...

Grazie!

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la sintomatologia potrebbe essere di origine psicosomatica o essere causata da problematiche alla colonna vertebrale, in particolare del tratto lombosacrale.
Lasci perdere la SLA.
Come Le dicevo precedentemente, faccia una visita dal Suo medico curante.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro