Utente 803XXX
Salve
seguo con interesse gli argomenti trattati e vorrei sottoporre un problema che ho da qualche mese, In pratica ho frequenti dolori cervicali che si irradiano anche nella parte anteriore della testa. A seguito di un primo consulto neurologico, per fortuna senza esiti patologici, ho effettuato una RNM encefalo/cervicale con il seguente risultato:

"""Esame eseguito in condizioni di base (età 43 anni)
RM ENCEFALO
Non evidenti aree di restrizione della diffusività di significato ischemico recente.
Qualche sporadico circoscritto spot gliotico in corrispondenza della sostanza bianca biemisferica sottocorticale frontale,
da ricondurre ad esiti su genesi aspecifica, verosimilmente su base vasculopatica cronica.
Il sistema ventricolare sovratentoriale è in asse lungo la linea mediana, non dilatato, con prevalenza aspecifica dei settori
di sinistra.
IV ventricolo normale ed in sede.
Nella norma l'ampiezza degli spazi subaracnoidei della volta e della base.
Si rimanda a valutazione specialistica.
RM CERVICALE
Sostanzialmente conservata la lordosi cervicale nelle condizioni d'esame, con buon allineamento somatico.
Non evidenti immagini deponenti per ernie discali.
A C5-C6 è presente una modesta protrusione discale ad ampio raggio con minima impronta sullo spazio subaracnoideo
premidollare.
A C6-C7 minimo bulging discale mediano.
A C7-D1 piccola ernia discale mediana sottolegamentosa, che impronta lievemente lo spazio subaracnoideo
premidollare.
Canale vertebrale di ampiezza nei limiti.
Non si osservano aree di alterato segnale nel contesto del tratto esplorato della corda midollare.
Si segnala una netta riduzione del segnale sia T1 che T2 in corrispondenza della spongiosa ossea di tutti i somi
vertebrali inclusi nei tomogrammi d'esame, in assenza di lesioni focali nel loro contesto; in particolare in T1 il segnale
della spongiosa ossea risulta più basso rispetto a quello delle unità discali. Il reperto riveste significato aspecifico e va
correlato con dati ematochimici previo videat specialistico ematologico.""""

Qualcuno può darmi un parere? Sono in attesa degli esami ematici.
Grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
dalla descrizione della sua anamnesi e del referto della Risonanza emerge una forma di cefalea verosimilmente di tipo tensivo ed una condizione di interessamento strutturale a carico delle vertebre. Le due cose non sono correlabili in senso patogenetico. Il quadro osseo, come Le è stato consigliato, sarebbe opportuno farlo valutare da un Ematologo. In subordine, se l'aspetto clinico della cefalea è di una certa entità, sarebbe bene consultare un Neurologo.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it