Utente 406XXX
Buongiorno
Sono un uomo di 33 anni e da ormai molto tempo ( circa 5 anni ) soffro di disturbi legati alla sensibilità.
I sintomi sono scarsa/ridotta sensibilità in tutto il corpo, muscolare, e sensitiva ( esempio non sento uscire l’urina ) oppure ho in alta tolleranza del caldo e freddo ( cosa insolita per me ) ho problemi di stitichezza ormai da due anni e a volte l’evaquazione è dolorosa. In più non percepisco il riposo muscolare o la stanchezza. Fatico a concentrarmi spesso dimentico le cose. Questa poca sensibilità sembra peggiorare lentamente.
Ho fatto visite neurologiche ed esami RMN con contrasto encefalo e colonna vertebrale ( si sottolinea disidratazione diffusa nelle vertebre cervicali e modesta ernia L5-S1 non espulsa e aggiungo non dolorosa non vi sono alterazioni del segnale ) ho fatto potenziali evocati e elettromiografia arti inferiori senza rilevare anomalie.
Alla mattina mi sveglio con dolori alla schiena diffusi nella zona dorsale che si risolvono durante la giornata, a volte ho un mal di testa che dura circa tre giorni sempre dalla parte destra prende collo, tempia occhio e sento pulsare.
In genere mi sembra che la capacità di espellere urine sia diminuita nel tempo ( se prima bevevo un bicchiere di acqua prima di dormire mi svegliavo con la vescica piena, ora non è mai così) senza contare che non sempre sento la vescica piena e lo stimolo della pipì .
Il neurologo mi ha consigliato visita fisiatrica che prenoterò nei prossimi giorni.

In realtà si brancola nel buio totale, mi fecero fare il test per la malattia della zecca ma risultato fu negativo anche quello.

Volevo chiedervi se avevate qualche consiglio da darmi dopo 5 anni diventa difficile venirne a capo e mi sto stancando molto.
Da un anno a questa parte ho dolori articolari e percezione di debolezza specialmente nella parte sinistra del corpo e nelle gambe. ( altro esempio se faccio attività fisica non sento i dolori il giorno dopo, se faccio una corsa ho parestesie diffuse)

Nel caso non fosse un problema neurologico chi potrebbe aiutarmi ??

Ovviamente ho i risultati di tutti gli esami nello specifico. Perché il problema sembra più sistemico ma non so a chi rivolgermi.

Grazie per il vostro aiuto e per quello che fate per tutti noi

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
al suo composito quanto interessante resconto anamnestico rispondo per la parte di mia competenza, ossia la cefalea di durata ultra-diana, che è verosimilmente una emicrania. L'emicrania con aura può accompagnarsi a fenomeni transitori di emi-ipoestesia ossia una alterazione della sensibilità su metà corpo.
Per il problema urinario, ritengo sia da escludere una vescica neurogena (che potrebbe anche conseguire alla cosiddetta sindrome della cauda causata da un'ernia discale L5-S1) avendo lei eseguito PESS e EMG. Pertanto, il problema resta confinato nell'ambito dell'urologia.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 406XXX

Grazie dottore per avermi risposto

Io ho spesso dolori alla parte destra del collo alla sinistra mai invece.
Può essere avere ipoestesia ormai da 2 anni in tutto il corpo specialmente la parte sinistra.

Oltre alla visita urologica, sarebbe consigliata una visita da fisiatra o fisioterapia?

Ultimamente ho delle mioclonie spontanee diffuse anche se durano poco o iniziano quando contraggo i muscoli
Secondo lei posso escludere malattie neurodegenerative se gli esami che ho fatto sono risultati negativi?

Grazie
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
La negatività della RM encefalo dovrebbe metterla al riparo da questo timore. Ad ogni modo, per un approfondimento sulla tematica che le ho accennato, a mio avviso non è indicato in questa fase consultare il Fisiatra quanto piuttosto il Neurologo.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Utente 406XXX

Ho fatto 3 visite neurologiche in tutto, l’ultima a maggio,
Non è stato riscontrato nulla di anomalo, lo specialista mi ha controllato oltre ai riflessi anche le sensibilità.
In particolare mi ha toccato con una penna credo varie parti del corpo ed io ho risposto in modo corretto sempre, perché in realtà non è la pelle ad essere insensibile ma i muscoli, ad esempio non percepisco la pressione se qualcosa mi preme su corpo o su un arto, ma se qualcosa mi sfiora la pelle la percepisco.
Il neurologo mi ha prescritto di andare dal fisiatra per far vedere l’ernia l5-s1. Visita che avrò tra un mesetto circa.

Insomma tre neurologi mi hanno visto e tutti e tre mi dicono che a livello neurologico sto bene, per questo motivo ho scritto qui, brancolo un po’ nel buio.
Seguirò il consiglio nel farmi vedere di nuovo da un urologo.


La ringrazio per la sua preziosa disponibilità.